spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 3 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’artista Trudi Schmidt cambia vita (e Paese). E dal 17 maggio organizza un “garage sale”

    GREVE IN CHIANTI – Il titolo rende da subito l'idea: "Volete il mio futuro? Comprate il mio passato".

     

    Perché Trudi Schmidt, artista tedesca ormai grevigiana adottata, ha deciso di dare una svolta alla sua vita.

     

    Farà infatti il percorso inverso, tornerà nella natia Germania. E per farlo deve in tutti i modi viaggiare… più leggera.

     

    Nel mondo angolsassone li chiamano "garage sale": a casa sua, in viale Vanghetti, si inizia sabato 17 maggio alle 10, si proseguirà anche domenica 18 (clicca qui per i dettagli). In vendita ci sarà di tutto: dai mobili, ai vestiti, ai giocatoli.

     

    "La cosa più buffa – dice Trudi con la sua consueta ironia – è che gli italiani che sono andati in Germania negli anni '70 e '80 ora tornano e prendono possesso delle case lasciate o delle aziende in mezzandria. E lo possono fare…".

     

    "Io – dice raccontando la sua esperienza, senza polemiche ma solo per condividere la sua storia – dopo 60 colloqui e tutti i cambiamenti nei Comuni, la totale assenza di sponsor, banche, ho deciso di fare… l'inverso".

     

    Addio Greve in Chianti dunque: "Prendo figlie – conclude Trudi – e passaporti tedeschi (per fortuna) per tutte e tre. E faccio l'emigrazione… al contrario".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...