spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 24 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Tante medaglie dalla coppa Italia di Santa Marinella per la Tzubame Karate

    Tre ori, un argento e un bronzo. Ecco come sono andate le gare dei giovani atleti

    GREVE IN CHIANTI – L'associazione sportiva grevigiana di karate, la Tzubame, con la gioia dei coach Michele Romano e Marco Diani e di tutti i genitori, è tornata a casa dalla gara di Santa Marinella (Rimini) con ben tre ori, un argento e un bronzo.
     

    Durante il weekend del 7 e 8 maggio si è svolta a Santa Marinella l'ultima gara della stagione, riservata a tutte le categorie fino a cintura blu. Hanno partecipato 10 atleti delle due palestre della Tzubame Karate Dojo (che si trovano a Greve e a Bagno a Ripoli) e per molti di loro era la prima trasferta nazionale.

     

    Dalla palestra di Greve Khushi Ermini, 9 anni, cintura verde, ma già con una grinta da vendere, dopo aver condotto una buona gara si è guadagnata un terzo posto. Jago Masini, 11 anni, cintura verde senza paura e sempre super concentrato come al solito, è riuscito a gestire al meglio tutti gli incontri aggiudicandosi meritatamente l'oro della sua già strepitosa carriera da combattente.

     

    Lorenzo Provvedi, 11 anni, cintura verde, è stato forse la piu bella sorpresa del fine settimana sportivo della Tzubame. Una determinazione da leone ha portato Lorenzo ad allenarsi sempre con impegno e tenacia acquisendo piano piano una preparazione atletica e una grinta consegnandoli finalmente la meritatissima vittoria. Infatti, pur trovandosi in difficoltà, è riuscito a passare il turno per la finale in cui, alla termine dei tempi regolamentari,  Lorenzo ed il suo avversario, un bambino di Siracusa, erano in perfetta parità. Durante i 30 secondi supplementari, chiamati "enchosen", vince il primo che riesce a mettere punto e Lorenzo non ha dato scampo al suo bravissimo avversario. Tutta la squadra e soprattutto il Maestro Romano ad angolo tatami hanno saltato di gioia al punto di Lorenzo che ha segnato la sua vittoria e la medaglia d'oro.

     

    Riccardo Romano, 12 anni cintura arancione è il terzo oro della comitiva. Premiato dalla sua attenzione, sia in semifinale che in finale, ha sfruttato invece la disattenzione degli avversari per segnare il punto della vittoria. Istinto e impegno sicuramente, ma buon sangue non mente, i presupposti sono tutti a favore per ripercorrere le imprese del babbo maestro.

     

    Erika Lepore, 14 anni, cintura verde ha conquistato una bella medaglia di argento, ma si sa, per chi è abituata sempre a vincere un po' di amarezza in bocca rimane, infatti, se avesse vinto anche questa gara avrebbe fatto l'enplein, in tutte le quattro gare nazionali precedenti è sempre arrivata prima. Ha perso in finale contro una ragazza di Roma, con cui si era già confrontata durante la stagione vincendo sempre.

     

    Jamil Dahik, 15 anni, cintura verde, con il suo bronzo contribuisce ad accrescere il medagliere Tzubame. In questo periodo Jamil si è allenato molto in vista alla Coppa Italia, per lui solo la seconda trasferta Nazionale e la mancanza di esperienza nel saper gestire la gara a livello emotivo e, all'onor del vero, un fortissimo avversario, gli hanno impedito l'accesso alla finale.

     

    Dalla palestra di Bagno a Ripoli sono arrivata a Santa Marinella Cosimo Martinelli,  6 anni, cintura bianca, è stato il primo ad aver gareggiato e così piccolo, ma con una grinta e una tenacia all'altezza della sua numerosissima pool, ha fatto la sua ottima figura nella specialità del kata.

     

    Matteo Ciancaleoni, 9 anni cintura bianca ha fatto una bellissima prova, e dopo aver passato le prime selezioni non è riuscito ad accedere alla finale per un decimo di punteggio. Si è infine aggiudicato un 7 posto su 24 atleti. Duccio Fabbri, 10 anni, cintura arancione, con un po' di emozione per la sua prima gara nazionale in una pool di quasi 30 atleti, ma tutti alla sua portata, non ha passato le selezioni per le finali. Tanto rammarico per un atleta che si impegna tantissimo e che sicuramente raggiungerà a breve risultati strepitosi. Gherardo Vecchietti, 12 anni, cintura arancione, ha fatto una buona gara, infatti, dopo essere passato alla fase finale si è aggiudicato un ottimo quarto posto. Ancora giovane, ma già inserito insieme ad atleti con molta esperienza alle spalle, aspettiamo un bel salto di qualità per il Ghera per arrivare al più presto alla conquista della prima medaglia in ambito nazionale.

    Preziosissimo il contributo della campionessa mondiale Francesca Gentile, che non ha mai spesso di trasmettere fiducia e preziosi consigli ai giovani atleti in gara, e altrettanto prezioso il supporto morale e non solo di Marina Santececca, presidente di giuria nazionale e accompagnatrice ufficiale del gruppo.

     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...