spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Dal 18 al 20 marzo a Greve il coordinamento internazionale delle Città Slow

    Alla tre giorni parteciperanno trenta città, provenienti da quindici diversi Paesi del mondo

    GREVE IN CHIANTI – Greve in Chianti, capitale internazionale delle Città Slow. Trenta città custodi del tempo e del gusto ritrovato, provenienti da oltre quindici diversi paesi di tutto il mondo, si danno appuntamento nel cuore delle colline chiantigiane dal 18 al 20 marzo in occasione del coordinamento internazionale delle Città Slow.

     

    I Paesi che hanno fatto della ricerca della qualità della vita il punto cardine delle loro capacità di accoglienza saranno protagonisti di un'importante occasione di confronto.

     

    Greve, città slow fin dalla nascita del network avvenuta nel 1999, ospiterà l'assemblea del consiglio direttivo cui seguirà un workshop operativo, finalizzato a rilanciare e condividere gli obiettivi e la filosofia della rete internazionale, coerenti con un codice di comportamento condiviso e verificabile.

     

    La riscoperta dei ritmi più lenti, l'attenzione ai temi del paesaggio e della natura, l'esaltazione delle tradizioni gastronomiche e culturali: le città del mondo che aderiscono al marchio con la lumaca ancora una volta si mettono in vetrina come mete e destinazioni ideali dove il gusto dell'esplorazione si propone come esperienza da assaporare lentamente e con consapevolezza.

     

    Coniugare le proposte di qualità e rendere attraenti le identità di questi territori valorizzati sotto il profilo culturale, enogastronomico, artistico e ambientale.

     

    E' questo uno dei temi che i delegati internazionali del comitato del Coordinamento Città Slow metteranno sul tavolo di discussione, nella sala consiliare di piazza Matteotti dove sono attesi sabato 19 per l'apertura dei lavori. Sulle nuove politiche di rilancio della rete si confronteranno città italiane e internazionali provenienti da Cina, Corea, Norvegia, Turchia, Giappone, Germania, Belgio, Olanda, Francia, Polonia, Stati Uniti, Italia.

    L'assessore allo sviluppo economico e all'agricoltura Gionni Pruneti inviterà i delegati, nell’ambito del convegno del 19, "a condividere esperienze e riflessioni sul tema dell'agricoltura dei nuovi scenari di sviluppo per una convivenza armonica con la città e il suo territorio, verso l’incentivazione della produzione biologica e la riduzione dei fitofarmaci".

     

    Per il sindaco di Greve Paolo Sottani "si tratta di un'occasione strategica per la definizione di un nuovo programma di attività e azioni da condividere nell'ambito della rete, un'opportunità di scambio tra esperienze diverse che puntano a obiettivi comuni tra cui il miglioramento del tessuto urbano e dei servizi, l'attenzione ai criteri di ecosostenibilità, lo sviluppo e la salvaguardia delle produzioni tipiche, la promozione della cultura dell'ospitalità, la vocazione alla buona tavola e alla genuinità dei prodotti".

     

    I Comuni avranno l'opportunità di conoscere alcune delle eccellenze del territorio grevigiano. Il programma delle giornate prevede una visita a Montefioralle, a San Leolino, alle aziende agricole del territorio e alla Sagra della Frittella che si svolgerà proprio in quei giorni nel borgo di Montefioralle dove anche in questo caso la tradizione continua a vivere nel segno del gusto tipico, buono e lento.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...