giovedì 9 Luglio 2020
Altre aree

    Gli Amici del Seminatore e i Ris, volontari civici iscritti in un albo del Comune

    Il registro è aperto alle iscrizioni dei cittadini che intendono rendersi utili alla comunità

    GREVE IN CHIANTI –  Un gilet con lo stemma del Comune e la scritta volontari civici sul retro. Si distinguono così, con una pettorina gialla, i volontari civici del Comune di Greve in Chianti, cittadini giovani e adulti che mostrano grande attenzione al territorio in cui vivono e si rendono utili alla comunità, praticando con costanza azioni virtuose.

     

    Due al momento i gruppi inseriti nell’albo dei volontari civici del Comune, istituito dall’amministrazione comunale, aperto alle iscrizioni. Si tratta dei ragazzi dei Ris (Raccattiamo i Sudicio) e degli Amici del Seminatore, impegnati a coltivare responsabilmente un interesse per l’ambiente e il decoro urbano.

     

    I primi organizzano in forma periodica giornate straordinarie di pulizia finalizzate alla rimozione dei rifiuti, anche ingombranti, rinvenuti tra i boschi e le aree di campagna del Chianti. I secondi sono attivi nella manutenzione dell’area verde situata in corrispondenza della rotonda del Seminatore di Strada in Chianti.

     

    L’iniziativa del registro nacque alcuni anni fa per rispondere al desiderio di alcuni cittadini di attivarsi e dedicare il proprio tempo libero a favore della crescita socioculturale di Greve in Chianti.
     
    “Il nostro albo è un percorso istituzionale che permette ai cittadini interessati – dichiara l’Assessore all’Ambiente Simona Forzoni – di accedere ad uno specifico elenco e registrarsi come volontario civico, un’importante forma di cittadinanza attiva che intendiamo supportare e valorizzare, fornendo tutti gli strumenti necessari allo svolgimento delle attività che possono spaziare in vari settori".

     

    Le aree in cui l’impegno dei volontari si esprime sono la tutela e la valorizzazione dell’ambiente, la conservazione e la manutenzione degli edifici pubblici e delle aree verdi, le attività di promozione e valorizzazione turistico culturale, di diffusione della conoscenza del patrimonio storico ed artistico, delle attività ricreative e sportive.

     

    “Il volontariato è una risorsa preziosa e indispensabile del nostro territorio – rimarca il sindaco Paolo Sottani – che promuove principi e azioni di coesione sociale, crea reti di solidarietà e rafforza i linguaggi del dialogo e della cooperazione favorendo la costruzione di una comunità che poggia le proprie fondamenta sul valore della partecipazione alla vita pubblica. Siamo molto contenti del lavoro che i volontari civici mettono in campo in stretta collaborazione con l’amministrazione comunale. Invitiamo i grevigiani a far parte di questo elenco anche per svolgere attività di supporto alla collettività, ai minori, ai disabili, agli anziani”.

     
    L’iscrizione all’albo richiede la compilazione di un’apposita domanda da consegnare all’Ufficio Relazioni con il Pubblico, al piano terra del Palazzo Comunale. Tra i requisiti richiesti ci sono il raggiungimento della maggiore età, la residenza nel Comune di Greve in Chianti, la frequentazione del tessuto sociale per motivi lavorativi, affettivi o legati ad attività culturali e associative in genere.

     

    “Crediamo fortemente nel ruolo del volontariato – conclude l’assessore Forzoni – chi si adopera per dare una mano gli altri produce un effetto benefico che si estende all’intera comunità. Ci auguriamo che l’albo possa crescere e annunciamo fin da ora che, al fine di riconoscerne il ruolo esemplare, coinvolgeremo i nostri volontari nell’organizzazione della Giornata mondiale dell’Ambiente, prevista tra il 5 e il 7 giugno, per la quale ci siamo messi già al lavoro”.

     

    di REDAZIONE

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...