mercoledì 8 Luglio 2020
Altre aree

    4,7 km di tubi e asfalto tutto nuovo: via di Cappello ha cambiato volto: sotto… e sopra

    Il sindaco Calamandrei: "Sono ormai lontani gli anni in cui d’estate l’intero capoluogo rimaneva a secco e per mesi si vedevano le autobotti in piazza"

    IMPRUNETA – Si è chiuso il cantiere di via di Cappello. “Lavori lunghi e strategici – dice Publiacqua – quelli che hanno riguardato l’importante asse viario che collega Impruneta con la località Falciani e il Ferrone e quindi con il resto del Chianti”.

    Lungo una strada che rapopresenta una delle principali “porte d’accesso” a Impruneta.

    Lavori che hanno interessato l’acquedotto ma anche il rinnovo e la messa in sicurezza della stessa via di Cappello.

    Per quanto riguarda i primi, essi sono parte di un intervento ben più ampio che prevedeva la completa sostituzione della tubazione preesistente di quasi 18 chilometri di tubazione che collegano l’acquedotto di Impruneta con quelli di San Casciano e Barberino Tavarnelle.

    Un lavoro enorme di messa in sicurezza dell’infrastruttura idrica che da Firenze integra la risorsa locale di una parte importante del Chianti.

    Un intervento “spacchettato” in più lotti dei quali è appunto risultano oggi conclusi: l’intervento nel tratto Chiantigiana-Sibille (oltre 4,7 km di tubazione di adduzione e circa 1 km di distribuzione per oltre 2 milioni di euro di investimento), quello nel tratto successivo da Sibille a Calcinaia (oltre 3 km di condotta di adduzione oltre ad 1,2 km di distribuzione e circa 1,7 milioni di investimento) mentre rimangono da terminare ancora circa 700 metri della posa della condotta che collega Calcinaia-Borromeo (oltre 3 km di adduzione e 1,4 km di distribuzione e circa 2 milioni di investimento).

    Oltre a questo, però, i lavori su via di Cappello, cofinanziati attraverso una convenzione a tre Comune di Impruneta-Publiacqua-Autorità Idrica Toscana, sono serviti anche a rimettere in sicurezza ed efficienza una strada fondamentale per la viabilità del Comune e la mobilità interna dei cittadini di Impruneta, con opere di bonifica e di consolidamento della strada stessa con palificata alla “curva di bistecca” per un importo di poco meno di 300.000 euro.

    “C’è voluto un po’ più del tempo previsto – dichiara il sindaco Alessio Calamandrei – ma vista l’importanza dell’intervento ed il risanamento effettuato, non posso che ringraziare Publiacqua per il lavoro svolto. Oltre che da un punto di vista acquedottistico e di fognatura, anche per aver ripristinato completamente l’intera strada con opere accessorie di messa in sicurezza. Ormai da tempo ogni lavoro che deve essere svolto viene condiviso con l’amministrazione, ricercando la tempistica giusta di intervento. I lavori svolti in questi anni da Publiacqua sul nostro territorio sono stati molti e sotto gli occhi di tutti”.

    “Certo – conclude Calamandrei – molto rimane ancora da fare, come ad esempio diversi impianti di sollevamento per l’adduzione al depuratore, o la sostituzione di alcune tratti di condotte provvisorie, ma sono ormai lontani gli anni in cui d’estate l’intero capoluogo rimaneva a secco e per mesi si vedevano le autobotti in piazza”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...