spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 13 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Anatre morte nella Greve. In putrefazione: devono essere rimosse da oltre due settimane

    Di rimozione e smaltimento dovrebbe occuparsi Alia, ma gli animali (compresa una nutria) sono sempre lì. Peraltro, non è stato fatto probabilmente niente neanche per capire le cause della morte

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Il 24 agosto scorso un nostro lettore ci informava della morte di alcune anatre nella Greve, all’altezza del campo sportivo di Tavarnuzze.

    Ci recammo sul posto dove, oltre a cinque anatre morte rimaste ai lati della Greve, notammo anche una nutria (anche questa morta). Che, già gonfia, galleggiava a pelo d’acqua.

    # Anatre morte (pure una nutria) nella Greve a Tavarnuzze: mangime mischiato a veleno?

    Trovammo anche una femmina di anatra viva ma immobile, accanto ad un maschio agonizzante: di lì a poco anche lui morì.

    Informammo immediatamente il Consorzio di Bonifica Medio Valdarno, che prese contatto il Comune di Impruneta. Che a sua volta inviò sul posto una pattuglia della polizia locale.

    La decisione, dopo diverse telefonate, da parte degli agenti, fu di recuperare l’anatra ancora viva. E, successivamente, si darebbe dovuto compiere il recupero delle anatre e della nutria morta, compito questo demandato a Alia Servizo Ambiente.

    A distanza di quattordici giorni siamo tornati sulla Greve e, purtroppo, le anatre morte erano ancora lì nell’acqua, in evidente stato di decomposizione, così come la nutria. Ormai alla “deriva”.

    Alia non ha ancora rimosso dalla Greve gli animali morti, così come non è stato preso in considerazione di esaminare alcun animale, per capire le cause della morte.

    Per moltissimi motivi sarebbe stato opportuno rimuovere quegli animali.

    Venendo via abbiamo notato anche un altro particolare: quello della presenza di una persona che, con una tenda, staziona da tempo lungo la Greve.

    Adesso si è aggiunta una nuova tenda, più grande, forse con altre persone?

    Vediamo se per loro ci sia perlomeno la possibilità di offrirgli una vita dignitosa: che non sia lungo il corso della Greve, senza acqua (potabile), luce e un bagno per i propri bisogni. 

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...