sabato 31 Ottobre 2020
Altre aree

    Autopalio, in dirittura di arrivo i lavori sul viadotto dei Falciani: dal 19 ottobre via all’asfaltatura

    A breve verrà riaperto, ma subito dopo ci sarà un nuovo scambio di carreggiata, per consentire il rifacimento del nuovo cordolo fino al viadotto Bandini

    FALCIANI (IMPRUNETA) – Dopo anni di disagi (e di proteste) per lo scambio di carreggiata da parte dei veicoli in transito (e per le famiglie che abitano a fianco) sull’Autopalio, nel tratto interessato ai lavori per la messa in sicurezza del viadotto delle Terme, tra San Casciano e Impruneta, è arrivato il momento della fine dei lavori.

    Tolto il carro ponte e i macchinari la ditta Peluso costruzioni della provincia di Caserta, che ha eseguito i lavori dall’inizio di novembre 2019, sta portando a termine le rifiniture in preparazione all’asfaltatura che sarà eseguita da lunedì 19 ottobre.

    La ditta incaricata ha trovato alcune difficoltà all’apertura del cantiere: prima per i lunghi giorni di maltempo, poi per la chiusura per il lockdown da Coronavirus.

    I lavori non si sono fermati nel mese di agosto, per recuperare i giorni di forzata chiusura.

    Lavori che sono stati seguiti con attenzione anche da parte del personale Anas, consapevole delle varie difficoltà, e che alla fine ha avuto parole di elogio verso l’impresa esecutrice.

    Arriverà alla fine un’opera che ha avuto anni di stasi. Che ha visto cittadini, giustamente, infuriati. E anche scendere in campo le istituzioni pronte a tutto per vederli terminare.

    Dunque si riapre il tratto direzione Firenze, ma subito dopo ci sarà un nuovo scambio di carreggiata, per consentire il rifacimento del nuovo cordolo fino al viadotto Bandini, sempre in direzione Firenze.

    Lavori che dureranno ancora fino all’inizio dell’anno 2021. 

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...