spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 29 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Gruppo Fratres Impruneta, un gran bel 2019. Nonostante le difficoltà

    Il presidente Poggini: "Non abbiamo potuto effettuare quella di ottobre perché nessun medico è stato disponibile"

    IMPRUNETA – Per l’associazione Fratres di Impruneta il 2019 è stato un anno difficile sotto diversi punti di vista, ma allo stesso tempo ricco di soddisfazioni.

    La carenza di sangue è ormai quotidianamente un tema al centro della discussione pubblica, che preoccupa le strutture ospedaliere e non solo.

    La situazione negli ultimi anni si è fatta sempre più critica, spingendo la Regione Toscana a rivolgere diversi appelli non solo alle associazioni e ai donatori periodici, ma anche a coloro che ancora non sono donatori.

    La difficoltà di reperire sacche di sangue, unita a quella dei rigorosi adempimenti burocratici, molto più impattanti per le associazioni di volontariato, ha messo a dura prova l’associazione Fratres di Impruneta.

    Tuttavia, l’impegno dell’associazione e l’altruismo dei donatori di Impruneta hanno ottenuto un grandioso risultato: 288 donazioni, di cui 14 di plasma e 274 di sangue intero.

    “Siamo molto felici dei risultai ottenuti – commenta Paolo Poggini, presidente del Gruppo Fratres Impruneta – anche se non possiamo nascondere le difficoltà riscontrate”.

    “Rispetto a prima – prosegue – sono cambiate molte cose, specialmente la punto di vista burocratico. Solo per fare un esempio, adesso il medico che viene a fare la visita deve essere pagato, idem gli infermieri”.

    “Quest’anno poi – spiega – non ci è stato possibile trovare nessun medico per la donazione di ottobre, motivo per cui abbiamo dovuto annullarla”.

    “In nome di tutta l’associazione – rimarca Poggini – voglio ringraziare tutti i donatori che hanno contribuito a raggiungere questi risultati, ma soprattutto hanno dato prova della loro solidarietà a chi ne ha più bisogno”.

    La prossima donazione si terrà sabato 18 gennaio, a seguire 21-22 marzo, 19 aprile, 20-21 giugno, 19-20 settembre, 18 ottobre e 19-20 dicembre.

    “Ricordiamo inoltre – conclude – che è consigliato prendere l’appuntamento sul sito www.fratresimpruneta.it per agevolare l’organizzazione interna e diminuire i tempi di attesa. Donare sangue non solo è un gesto altruistico, ma fa bene all’organismo e permette di monitorare il proprio stato di salute”.

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...