spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 7 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il presidente del Motoclub 222 (di Grassina) Morelli: “Ma siamo sempre costretti a emigrare…”

    IMPRUNETA – Un bilancio molto positivo quella della "Motocavalcata 2013" organizzato dal Motoclub 222 di Grassina nei giorni della Festa della Pizza, in collaborazione con il rione imprunetino delle Fornaci.

     

    Un percorso di 75 km che si è snodato fra boschi e campi nei comuni di Impruneta e Greve in Chianti: "L'unico dispiacere – ci dice Alberto Morelli, presidente del Motoclub 222 – è che non riusciamo a fare un passaggio in territorio ripolese. Siamo stati praticamente costretti… a emigrare".

     

    "I partecipanti a questa edizione – ricorda Morelli – sono stati 164, in linea con quella del 2012. Sono arrivati da tutte le parti d'Italia: da Bolzano, da Piacenza, Brescia, Bologna, Milano, San Benedetto del Tronto. Il gruppo più numeroso è arrivato dalla Sardegna e ci ha fatto un sacco di complimenti per l'organizzazione".

     

    Del resto la pianificazione era stata capillare, con una trentina di componenti del Motoclub a sorvegliare tutto in una giorn ata in cui ci si è messa anche la pioggia ad aumentare il grado di difficoltà: "Abbiamo dovuto tirare fuori più di una moto con le corde – dice Morelli –  Ma tutto è andato per il verso giusto: avevamo pianificato il percorso con la Forestale, abbiamo avuto il sostegno del rione delle Fornaci, della Protezione Civile di Impruneta, della Misericordia di Impruneta e di quella dell'Antella, con la sua ambulanza da fuoristrada".

     

    A metà percorso particolarmente apprezzata la sosta con un bicchiere di vino (uno solo…), acqua e pane e finocchiona: l'appuntamento è per il 2014 e chissà che un po' del tracciato non possa passare in territorio ripolese… .

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...