spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 15 Luglio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Scappò mentre era in cura dal veterinario al Galluzzo: Blanco ritrovato… dopo 15 giorni!

    Il micione di Tavarnuzze era stato cercato da tantissimi, solo e smarrito in città. Poi il ritrovamento in mezzo a una folta macchia

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Lo sappiamo, stoppiamo subito chi dirà che… "queste non sono notizie". Ma a noi sapere che dopo 15 giorni di ricerche disperate il gattone Blanco, "tavarnuzzino doc", è stato ritrovato, ha fatto davvero un gran piacere. E ve lo raccontiamo.

     

    La sua scomparsa infatti era stata molto turbolenta, diciamo particolare: in cura dal veterinario al Galluzzo, era riuscito a svicolare dalla gabbia, uscire e far perdere le sue tracce.

     

    Lui, gatto "di paese", abituato a gironzolare nel giardino di casa a Tavarnuzze o poco più, si era ritrovato d'improvviso in mezzo al caos, alle auto, al traffico di una zona frequentatissima come il Galluzzo.

     

    Immediatamente la proprietaria, Vanna, disperata, si era data un gran daffare per cercarlo, insieme agli amici e ai volontari dell'Enpa, che hanno dato davvero un grandissimo aiuto.

     

    In particolare una volontaria dell'Enpa, Sabrina, determinante in tutto: dall'affissione dei manifesti-volantini fino al recupero con la trappola perché era spaventato.

     

    Dopo una prima segnalazione in via del Podestà, rivelatasi purtroppo infruttuosa, quella buona ha portato dietro la caserma dei carabinieri in zona San Brunone, dove c'è una sorta di "giungla" fra alberi e rovi.

     

    Blanco era lì: sporco, dimagrito e impaurito. C'è voluta tutta la pazienza e l'esperienza nell'utilizzare la gabbia trappola per prenderlo. E riportarlo, finalmente, a casa.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...