spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Durissime accuse del sindaco: “Totale assenza di coinvolgimento in decisioni che ci riguardano”

    IMPRUNETA – "Trovo sconcertante il comportamento del Comune di Firenze nella totale assenza del coinvolgimento del comune di Impruneta, e dell’Osservatorio Trasporti Provinciale, su scelte di mobilità pubblica che coinvolgono non solo il territorio comunale di Firenze".

     

    Non usa certo il "fioretto" il sindaco di Impruneta Alessio Calamandrei per commentare le ultime modifiche alla linea Ataf 37, che da mesi stafacendo dannare i pendolari imprunetini.

     

    "Una totale assenza di coinvolgimento – rincara il sindaco – e una totale mancanza di rispetto, non solo non prendere in considerazione le proposte avanzate dal sottoscritto, non solo non dare uno straccio di risposta, ma arrivare addirittura a peggiorare il servizio già molto critico di per sé".

     

    "L’organismo dell’Osservatorio sui Trasporti Provinciale – prosegue – coinvolto a volte per delle sciocchezze, non viene poi coinvolto su un riassetto importante come quello della direttrice Stazione-Galluzzo-Tavarnuzze, e non viene nemmeno comunicato al Comune di Impruneta, i cambiamenti che si intendono fare".

     

    "Nonostante le riunioni e documenti scritti – rimarca – e la promessa di cambiamenti migliorativi da settembre, Firenze continua a guardare al proprio orticello. Quella Firenze che “apre bottega ogni mattina”, e che “apre le scuole ogni mattina” grazie anche ai cittadini dei comuni del “contado”. Ben venga la linea 11 fino al Galluzzo, ma oltre a non aver riportato la linea 36-37 all’interno dell’Oltrarno (linee con autobus nuovi, molto meno inquinanti e rumorosi dei mezzi sulla linea 11, con allungamento di 3-5 min a corsa), adesso la linea 37  viene spostata su via del Gelsomino-Poggio Imperiale, con ulteriore allungamento".

     

    "Se si vuol far diventare la linea 37 una linea “turistica” – dice un imbufalito Calamandrei – almeno si abbia il buon senso di portarla fino ad Impruneta! Provocazione a parte, credo che se c’è la reale volontà di incrementare il servizio pubblico, nei fatti si stia percorrendo la strada sbagliata. Nei mesi scorsi questa amministrazione si è mossa per risolvere alcuni problemi afferenti il tracciato sul Comune di Firenze, proponendo varie soluzioni".

     

    E a tal proposito Calamandrei cita l'inversione del percorso in Oltrarno linea 36-37 con la linea 11; il cadenzamento dell’orario; lo spostamento del capolinea a Firenze linea 36-37 davanti all’ex Ora Moda, permettendo di recuperare minuti preziosi.

     

    "Si ricorda inoltre – precisa – che il consiglio comunale di Impruneta ha votato una mozione all’unanimità per riportare al centro dell’attenzione una linea sbeffeggiata e maltrattata che però serve un asse importantissimo di entrata a Firenze".

     

    "Quello che sconsola – conclude – è che nessuna comunicazione ufficiale è pervenuta, non sapendo nemmeno se questa ridistribuzione, col prolungamento della linea 11 fino al Galluzzo, porterà nuove corse sulla linea 37. Unica miglioria, sicuramente casuale dovuta alla nuova circolazione di piazza Stazione, lo spostamento del capolinea dietro l’abside di Santa Maria Novella, evitando di andare a girare in piazza Adua".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua