spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il sindaco di Impruneta Alessio Calamandrei sulla drammatica aggressione in via Montebuoni

    IMPRUNETA – L'ha contattata di persona per sincerarsi delle condizioni e per indicarle i contatti precisi della Stazione dei carabinieri di Impruneta, in modo che potesse sporgere la denuncia: adesso aspetta che le forze dell'ordine facciano il loro lavoro.

     

    Il sindaco di Impruneta Alessio Calamandrei porge la "massima solidarietà alla donna che ha subito questa terribile e vile aggressione".

     

    Un'aggressione, quella a Giusy Lo Biondo Benincasa che Il Gazzettino del Chianti ha raccontato ieri (clicca qui per leggere tutta la testimonianza), davvero sconvolgente: sia per le modalità, sia per il luogo in cui è avvenuta, una tranquilla strada di Tavarnuzze.

     

    Pestata e tagliata, probabilmente con un taglierino, al braccio sinistro: questa donna ha rischiato grosso visto che è affetta da una rara malattia che le rende potenzialmente letale un'emorragia di sangue.

     

    "Riponiamo massima fiducia fiducia nelle forze dell'ordine che stanno indagando su quanto accaduto – conclude il primo cittdino – Come amministrazione comunale siamo a disposizione delle autorità competenti per qualsiasi cosa ci venga richiesto".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...