spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 15 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Centrosinistra Impruneta, la sorpresa? Oltre a Lazzerini ci sarebbero altri due candidati: in campo Mayer e Cappelletti

    Ieri scadeva il termine ultimo per presentare le candidature: si faranno quindi le primarie anche per le amministrative? Si attendono conferme

    IMPRUNETA – Chi pensava che il termine ultimo di ieri, martedì 28 febbraio, per la presentazione di candidature a sindaco nella coalizione di centrosinistra a Impruneta, fosse una formalità, è rimasto sorpreso.

    Se la candidatura di Riccardo Lazzerini era ormai in campo da mesi infatti, e dovrebbe essere stata confermata, se ne sarebbero aggiunte altre due.

    Sembra infatti (sono attese conferme ufficiali) che siano state presentate altre due candidature.

    Da un lato Andrea Mayer, coordinatore a Impruneta della mozione che ha spinto Elly Schlein per le primarie nazionali del Pd.

    Dall’altro Angela Cappelletti, consigliera comunale, già segretaria comunale del Pd, finita nella tempesta alcuni mesi fa, quando poi c’è stata la fuoriuscita (con successiva candidatura con Impruneta Futura) di Matteo Aramini.

    In teoria, quindi, si dovrebbero fare queste primarie a tre per la scelta di chi sarà il candidato sindaco della coalizione di centrosinistra.

    Si attendono conferme ufficiali, che potranno arrivare o dallo stesso Partito democratico, o dalla coalizione di Impruneta Comune Aperto.

    Ma chi si aspettava una candidatura “in carrozza” di Riccardo Lazzerini, è rimasto sorpreso.

    Anche in questo caso correnti e correntine hanno creato un altro vortice, nell’ormai tumultuoso campo del centrosinistra a Impruneta.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...