spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 17 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Ci ha lasciati Fernanda Lorini, la prima nata del Comune di Impruneta nel 1929”

    Dopo che si fu "staccato" dal Galluzzo: "Il suo atto di nascita è il numero 1 in parte 1 dell'anno 1929 datato 03/01/1929"

    IMPRUNETA – “Ci ha lasciati Fernanda Lorini, la prima nata del Comune di Impruneta nel 1929″.

    L’annuncio viene dato dall’amministrazione comunale imprunetina.

    Che prosegue spiegando: “Il Comune di Impruneta è stato istituito con Regio Decreto n. 2562 del 1928 e gli uffici del Comune hanno iniziato a funzionare dal 01/01/1929. Precedentemente Impruneta era parte del Comune del Galluzzo”.

    “Dagli archivi dei servizi demografici – si aggiunge – risulta confermato che l’atto di nascita della signora Fernanda Lorini è il numero 1 in parte 1 dell’anno 1929 datato 03/01/1929”.

    “La signora è deceduta a 92 anni il 16 agosto scorso – prosegue la nota dell’amministrazione comunale – ha abitato per tutta la sua vita in via del Desco, a parte gli ultimo anni in cui era ospite della Opera Pia Vanni”.

    “La comunità perde un altra imprunetina doc – dice il sindaco Alessio Calamandrei – che ha contribuito alla crescita ed alle tradizioni di questo territorio, compresa la ricostruzione del dopoguerra”.

    “Come tutti i numeri 1 – rimarca – se ne è andata in silenzio da quella che è la casa di tutti gli imprunetini. Un fiore all’occhiello della comunità, che tale si è dimostrato anche in questa primavera nefasta”.

    Fernanda nella sua vita è stata principalmente casalinga, anche se si è dedicata al cucito ed è stata anche impagliatrice nella tradizionale lavorazione delle borse fiorentine.

    L’unico figlio ancora abita Impruneta: era ospite dell’Opera Pia dal 2017.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...