spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 29 Novembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Inserite a loro tutela nel capitolato d’appalto dal Comune per la nuova concessione

    L'obbligo di mantenere inalterato il numero degli addetti impiegati e di assorbire nel proprio organico tutto il personale che attualmente è in servizio presso il centro di cottura di Tavarnuzze e nei diversi plessi scolastici: sono le due clausole a salvaguardia degli attuali addetti che l'amministrazione si è impegnata  a inserire nella bozza del capitolato della nuova concessione per il servizio di refezione scolastica.

     

    L'impegno è stato formalizzato in vista della scadenza dell'attuale contratto  con la ditta Dussmann Service, durante l'incontro di martedì  tra l'amministrazione comunale  e i rappresentanti sindacali Filcams Cgil, tra cui il coordinatore Cgil del Chianti, Marco Mantelli, e una delegazione dei lavoratori addetti alla refezione scolastica del territorio di Impruneta.
     

    Il nuovo concessionario che per i prossimi cinque anni erogherà i pasti nelle diverse scuole di ordine e grado del territorio comunale, avrà dunque l'obbligo di mantenere costante il numero degli addetti impiegati e le eventuali assenze dovranno essere immediatamente reintegrate.

     

    L'incontro di martedì è stato anche l'occasione per fare un bilancio degli ultimi sei anni del servizio di refezione scolastica che nelle scuole di Impruneta conta 950-1.000 pasti giornalieri per un totale di 165.000 pasti annuali. L'amministrazione ha espresso apprezzamento alla ditta che ha operato fino ad oggi per l'attenzione e la serietà mostrata verso i propri lavoratori e alle Rsu per quanto fatto in questi anni.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...









    I Cammini dell'Acqua