spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 4 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    A sostegno della sua candidatura anche figure di spicco della politica fiorentina

    Il clima in vista delle primarie fra i tre candidati del Partito democratico di Impruneta, previste per domenica 24 marzo, inizia davvero a riscaldarsi. Nei giorni scorsi abbiamo pubblicato gli elenchi degli iscritti del Pd imprunetino che hanno sostenuto le tre candidature (clicca qui per consultarli): quelle di Alessio Calamandrei, Marco Pistolesi, Joele Risaliti.

     

    E proprio Calamandrei, sul suo sito web (www.alessiocalamandrei.it) ha aperto il suo comitato elettorale di sostegno (clicca qui per accedere allo spazio in cui aderire) che ha già raccolte le prime firme e adesioni.

     

    E sono adesioni che ricordano anche il forte legame che lo stesso Calamandrei mantiene da anni con la città di Firenze. Hanno infatti aderito al suo comitato l'attuale vicesindaco di Firenze Dario Nardella, fra un po' dimissionario per raggiungere gli scranni del Parlamento. E la candidata a sostituirlo in quel ruolo, l'assessore Stefania Saccardi.

     

    E ancora un altro fiorentino appena eletto a Roma, capogruppo del Pd in consiglio comunale a Firenze Francesco Bonifazi. Un altro "renziano" eletto a Roma, il presidente del consiglio provinciale (carica da cui si è già dimesso) David Ermini sostiene la candidatura di Calamandrei. E l'assessore alla mobilità del comune di Firenze Massimo Mattei.

     

    E ancora Cristina Giachi, Caterina Biti, Giampiero M. Gallo, Guido Ferradini (co-presidente di Officine Democratiche), Sergio Gatteschi (presidente Agenzia Fiorentina per l'Energia), Marzia Cappelli (coordinatrice dei volontari a sostegno di Matteo Renzi), Fabrizio Ricci (consigliere Quartiere 5).

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua