spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 24 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    E’ l’esito del comitato per la sicurezza tenutosi a Impruneta. Il prefetto: “Un aumento allarmante”

    IMPRUNETA – Più controlli e più videosorveglianza contro i furti, ma anche un maggior coinvolgimento dei cittadini.

     

    E’ quanto emerso al termine del Comitato Provinciale per l’Ordine e la Sicurezza Pubblica che si è riunito ieri mattina presso il Comune di Impruneta per analizzare il fenomeno dei furti in appartamento nel territorio del Chianti fiorentino.

     

    All’incontro, presieduto dal prefetto Luigi Varratta (nella foto), hanno partecipato i sindaci di Impruneta, Bagno a Ripoli, San Casciano, Tavarnelle Val d’Elsa, Barberino Val d’Elsa e Greve in Chianti. Era presente anche l’assessore provinciale alle politiche sociali, sicurezza e legalità Antonella Coniglio.

     

    “Abbiamo registrato un aumento di furti nelle case, un dato allarmante – ha dichiarato il prefetto Varratta – da qui la decisione di fare tutti insieme il punto della situazione per individuare nuove strategie di prevenzione e contrasto, intervenendo con azioni mirate. E’ una situazione che può destare preoccupazione ed è da seguire con attenzione”.

     

    L’analisi dei dati ha messo in rilievo un incremento dei furti in appartamento, soprattutto nei territori di Bagno a Ripoli e Impruneta.

     

    Il fenomeno, sul quale si è accentrata l’attenzione del tavolo, è stato messo in relazione anche con l’attuale congiuntura economica. L’instabilità finanziaria e l’abbassamento dei livelli occupazionali, è stato rilevato, incidono su alcune tipologie di reati, come quelli predatori e contro la persona.

     

    Per fronteggiare la situazione, è stato deciso di rafforzare i controlli sul territorio e la videosorveglianza pubblica sarà incrementata. Ma un aiuto prezioso alle forze dell’ordine può venire anche da una maggior collaborazione con i cittadini.

     

    ”E’ necessario metter in campo uno sforzo progettuale ampio – ha affermato Varratta – contro questi crimini che colpiscono le persone nella loro intimità e nei loro beni più cari”.

     

    Sul fronte della lotta ai furti, infatti, è strategico che la gente assuma comportamenti e strumenti di autotutela. Il che significa dotare le proprie case di telecamere, porte e finestre blindate, ma anche prestare più attenzione al proprio ambiente di vita, segnalando a polizia e carabinieri ogni movimento sospetto.

     

    Proprio per sensibilizzare i cittadini su questo aspetto, si farà più serrata la campagna di informazione portata avanti finora dai comuni, attraverso incontri pubblici con le forze dell’ordine, la cui stretta vicinanza al territorio e ai suoi problemi è stata sottolineata positivamente da tutti i sindaci presenti all’incontro.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...