giovedì 24 Settembre 2020
Altre aree

    “Crolli nel muro di cinta del cimitero di Nizzano”: interrogazione in consiglio di Viti

    Il consigliere di Obbietivo Comune: "Da più di un anno si è aperto un buco di un metro di diametro: a chi spetta il ripristino? In quali tempi?"

    IMPRUNETA – “Da più di un anno si è aperto un buco di un metro di diametro nel muro di cinta del cimitero di Nizzano”.

    A dirlo è Roberto Viti, consigliere comunale del gruppo di opposizione Obbiettivo Comune. Che sul tema ha presentato una interrogazione al sindaco e alla giunta.

    “Durante l’ultimo temporale – prosegue Viti – un altro crollo è avvenuto in prossimità di questo buco, e le pietre sono rotolate per la strada”.

    “E’ stato grazie all’intervento di un cittadino del posto – rimarca il consigliere Viti – che queste stesse pietre sono state accatastate al margine della strada”.

    Viti evidenzia “una situazione di pericolo per l’incolumità dei cittadini, in quanto sono probabili altri crolli, specialmente in occasione di nuovi rovesci”.

    Nell’interrogazione quindi, Viti chiede di “conoscere chi deve provvedere a ricostruire il muro. Se non spetta al Comune ma spetta al proprietario dell’area adiacente al cimitero si richiede di conoscere quali azioni sono state fatte nei confronti di questo cittadino”.

    Roberto Viti, consigliere comunale di Obbiettivo Comune

    “Se spetta al Comune – aggiunge ancora Viti – si richiede di conoscere quali sono i tempi previsti per questo intervento”.

    “In ogni caso – conclude il consigliere comunale – ritengo che si debba operare con urgenza, magari risolvere anche il problema della regimazione dell’acqua piovana che determina un notevole dissesto alla strada. Che oltre a costituire l’accesso al cimitero è utilizzata dai cittadini che abitano accanto al cimitero”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino