spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 10 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Lasciato a Tavarnuzze nel 2012, adesso si cerca di rintracciarne la proprietaria

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – La storia arriva da Tavarnuzze, e inizia in un seggio delle primarie che, nel novembre 2012, hanno visto scontrarsi Matteo Renzi e Pierluigi Bersani. Ma qui la politica c'entra poco o niente: qui si tratta di riportare a casa qualcosa di molto personale.

     

    E' un piccolo diario (quello nella foto sopra) "che non ho mai avuto il coraggio di gettare – ci dice chi l'ha trovato – perché per qualcuno può essere un ricordo importante. E' rimasto nel seggio delle primarie di Tavarnuzze a novembre 2012, e non c'è stato modo di rintracciarne la proprietaria".

     

    "Sfogliandolo – prosegue – ho trovato un paio di indirizzi mail spagnoli evidentemente di persone conosciute durante il corso, e ho provato a scrivere loro spiegando che cercavo una persona… ma non ho avuto risposte".

     

    E' un libretto di piccole dimensioni, 11 centimetri per 17, poco più piccolo di un A5, ed è il diario minuzioso di dieci giorni di "Corso di cucina Macrobiotica" tenuto a Saint Gaudens, in ottobre 2012, con tante fitte annotazioni, e fogliettini allegati. Tutto scritto a mano, come una volta.

     

    Farebbe davvero piacere ritrovare la legittima proprietaria: la rete, il web, offrono tanti spazi per questo. Quindi… facciamo girare la notizia! Riportiamo questo diario a casa.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua