spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Nasce un gruppo Facebook a sostegno dei due dimissionari dall’Ente Festa dell’Uva

    IMPRUNETA – I due hanno le idee chiare, e la decisione di rimettere le dimissioni dai rispettivi ruoli nell'ambito dell'Ente Festa dell'Uva è stata presa con grande sofferenza e altrettanta decisione.

     

    Ma a Luca Gasparri (presidente, in foto, clicca qui per leggere la sua toccante lettera d'addio) e Alessandro Bonini (ingegnere della sicurezza) sono in tanti che guardano sperando che tornino sui loro passi.

     

    Sia per la stima nei confronti dei due, ma anche per la paura che l'abbandono dell'Ente da parte di due colonne del genere possa portare a conseguenze nefaste sull'intera Festa.

     

    E se per quanta riguarda Luca Gasparri, imprunetino e conosciutissimo all'Impruneta, sono arrivati tantissimi messaggi personali, Bonini che è più lontano dalla realtà imprunetina non è stato destinatario, ovviamente, delle stesse attenzioni.

     

    Ma ecco però che parte dalla rete la prima iniziativa a sostegno di entrambi: si tratta di un gruppo su Facebook chiamato "Noi Diciamo No Alle Dimissioni Di Luca Gasparri e Alessandro Bonini". Un gruppo che probabilmente, al pari di tante altre iniziative, non farà tornare i due sui loro passi.

     

    Ma servirà a rendere ancor più presente il sostegno a due persone che, per anni, hanno speso il loro tempo e le loro energie per far sì che la Festa dell'Uva andasse in piazza l'ultima domenica di settembre.

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...