domenica 29 Novembre 2020
Altre aree

    Domani apre il secondo lotto della circonvallazione di Impruneta: sabato inaugurazione ufficiale

    L'annuncio del sindaco Calamandrei. Con qualche postilla: "Diversi problemi sono stati riscontrati all’incrocio con via di Fabbiolle, ne sono consapevole come i cittadini e in particolar modo i residenti"

    IMPRUNETA – “Mercoledì mattina, tempo permettendo, intorno alle 11 verrà aperto il secondo lotto della circonvallazione di Impruneta. Un opera attesa da tempo, e che finalmente vede la luce a completamento di un opera fondamentale per il nostro capoluogo”.

    Lo annuncia il sindacdo di Impruneta, Alessio Calamandrei: “L’inaugurazione ufficiale – prosegue – avverrà sabato mattina alla presenza del presidente della Città Metropolitana Dario Nardella. Di solito questa è una di quelle occasione dove si invita tutta la cittadinanza a partecipare, ma vista la situazione sanitaria, tutto ciò non sarà possibile”.

    Un’apertura che dà la “certezza che tutto questo porterà ad un miglioramento ed alleggerimento del traffico passante da via della Libertà, piazza Buondelmonti, via Mazzini, piazza Accursio da Bagnolo e via Vittorio Veneto, permettendo anche lo svolgersi (appena questo maledetto Covid-19 ci darà tregua) di manifestazioni importanti in piazza in tutta sicurezza”.

    “La scelta – rimarca – voluta, di non riaprire prima dell’estate, è stata proprio per far si che, seppur poco, quel minimo di turismo fosse comunque “obbligato” a passare per la piazza, e anche per cercare di risolvere alcune situazioni di progetto e realizzazioni non proprio consone per migliorare la vita ai nostri cittadini”.

    “Nel frattempo – aggiunge Calamandrei – così come promesso in consiglio comunale, con risorse interne siamo riusciti ad inserire tutta l’illuminazione pubblica sul secondo lotto (non prevista nel bando di gara della Città Metropolitana)”.

    “Mentre è rimasto come era in origine la viabilità pedonale – spiega ancora – che vede percorrere il primo lotto dal Desco fino alla salita che porta in piazza Accursio, prosegue poi per tutta Vittorio Veneto, avendo realizzato il camminamento in pietra, fino all’innesto del secondo lotto della circonvallazione”.

    “Da qui – sottolinea il primo cittadino – si potrà attraversare per recarsi verso la zona del tiro al piattello, o proseguire il camminamento sulla salita del cimitero delle Sante Marie per arrivare poi fino in piazza Bandinelli in tutta sicurezza”.

    Ammette anche che “diversi problemi sono stati riscontrati all’incrocio con via di Fabbiolle, ed il sottoscritto ne è consapevole come i cittadini ed in particolar modo i residenti”.

    In particolare “l’uscita dalla parte inferiore di via di Fabbiolle potrà essere solo in direzione Firenze, o risalire su via Fabbiolle stessa fino all’altezza “Ricceri” (50 metri). Chi deve recarsi in direzione Greve, uscirà in direzione Firenze, salirà in piazza Accursio dove la svolta a sinistra su via Vittorio Veneto è consentita”.

    “Per rientrare – dice ancora – al momento la soluzione “in sicurezza” secondo il codice della strada è l’ingresso da via di Fabbiolle (parte alta), accessibile dalla circonvallazione usando la rampa del parcheggio della banca, via di Fabbiolle che sarà messa a senso unico in discesa fino ad altezza “Ricceri”, attraversando poi la circonvallazione all’impianto semaforico”.

    “Purtroppo – fa sapere – per problemi contrattuali non è più possibile rimandare l’apertura. Non più tardi di ieri mattina è stato effettuato un sopralluogo col consigliere delegato della Città Metropolitana Francesco Casini, che si è reso disponibile a lavorare con i tecnici della Metrocittà fin da subito per trovare una soluzione migliore a questo… Gioco dell’Oca”.

    “Concludo con un invito a tutti i cittadini – termina Calamandrei – Andare piano (sempre), in particolare sulla nuova circonvallazione, e prestare estrema attenzione alla cartellonistica dei percorsi che saranno posti in questi giorni. Ogni cambiamento crea sempre qualche problema iniziale, e siamo consapevoli che l’attuale situazione vada migliorata quanto prima”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...