spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 6 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La creazione del “mastro fornacino” scelta fra 160 opere pe rla Biennale di Anzio

    IMPRUNETA – Luigi Mariani è uno di quei fornacini in grado di modellare la terra e trarne forme che solo lui riesce a vedere o immaginare.

     

    In questo modo porta l'immagine del cotto e dell'Impruneta in giro per l'Italia e per il mondo: l'ultima esperienza è quella della Biennale di arte contemporanea di Anzio, nel Lazio, arrivata alla sua quarta edizione e dedicata quest'anno alla donna. Come prodotto e… come produttrice.

     

    Luigi ha partecipato (ed è stato selezionato come uno dei 40 espositori fra i 160 che avevano proposto i loro lavori) con una scultura di donna a grandezza naturale in terracotta (la vedete sopra). Una donna di fantasia, "Bellezza e purezza" il titolo della statua.

     

    Ancora una volta il cotto e la maestria imprunetina hanno colto nel segno: quella terra che diventa donna ha davvero riscosso successi e apprezzamenti.

     

    In un mondo, quello dell'arte contemporanea, che potrà (e dovrà) rappresentare un ambito di riferimento importante per il futuro del cotto imprunetino.
     

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...