spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    FdI: “A Impruneta continua il silenzio sul Giorno del Ricordo da parte del sindaco e del Comune”

    Matteo Zoppini e Claudio Gemelli: "Un mutismo che appare come un censurabile tentativo di sminuire una pagina terribile della nostra storia"

    IMPRUNETA – “All’indomani della giornata nella quale è stato celebrato il ricordo dei Martiri delle Foibe, continua il silenzio del sindaco Riccardo Lazzerini e del Comune di Impruneta. A tal punto che risulta dubbia la loro posizione”.

    A dirlo sono Matteo Zoppini, consigliere comunale di Voltiamo Pagina, e Claudio Gemelli, coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia

    Domandano pubblicamente quale sia la posizione di amministrazione comunale e sindaco: “O di condanna per quella barbarie consumata ai danni degli esuli istriani, fiumani e dalmati e di tutte le vittime dell’atrocità comunista titina sul confine orientale o, piuttosto, di comprensione nei confronti di chi le ha commesse”.

    “Il sindaco Lazzerini – affermano – sempre pronto a una dichiarazione su qualsiasi tema (con foto selfie annessa) non lascia trapelare nulla, tanto da aver fatto perdere le sue tracce sulla vicenda. Un mutismo che appare come un censurabile tentativo di sminuire una pagina terribile della nostra storia”.

    “Vogliamo sperare – aggiungono – che rimedi alla ingiustificata e deprecabile omissione, che offende la memoria dei Martiri e alza un muro di silenzio nei confronti degli esuli istriani, fiumani e dalmati che dovettero lasciare la terra in cui vivevano per sottrarsi alla furia comunista”.

    “Nemmeno l’alto discorso del presidente della Repubblica Sergio Mattarella – rilancia Zoppini – che ha richiamato tutti ad emettere una condanna netta e forte, ha spinto Lazzerini a superare quella ritrosia che purtroppo ancora alligna nel mondo della sinistra e che impedisce di fare i conti con il dramma delle foibe”.

    “Una pagina di storia – accusa – che ancora qualcuno vorrebbe rimanesse strappata dai libri di storia. Questo riduzionismo strisciante della sinistra istituzionale finisce per legittimare il negazionismo e i vandalismi come quello di Firenze, dove ancora una volta è stata distrutta la targa in ricordo dei Martiri delle Foibe”.

    “Tra l’altro, anni fa è stata approvata a maggioranza una mozione a mia prima firma in consiglio comunale che impegnava il Sindaco ad intitolare una via, una piazza o un giardino ai Martiri delle Foibe, ma ancora non è stato fatto nulla: auspico che Lazzerini provveda senza ritardo a questa sua ignobile dimenticanza” conclude Zoppini. 

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...