spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 6 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Festa della Liberazione a Impruneta: celebrazione senza presenza di pubblico

    Per il 76° Anniversario del 25 aprile ci si limiterà alla deposizione delle corone nei punti che ricordano la Liberazione a Impruneta e Tavarnuzze

    IMPRUNETA – Con il perdurare dell’emergenza sanitaria internazionale da Covid-19, la celebrazione del 76° Anniversario del 25 aprile si limiterà alla deposizione delle corone nei punti che ricordano la Liberazione.

    Monumento ai caduti di Impruneta, targa in memoria dei caduti in piazza don Chellini a Tavarnuzze, lapidi dedicate a Don Minzoni e a Giulio Turchi.

    Solo il Sindaco e i rappresentanti della sicurezza del territorio saranno presenti alla deposizione della corona al Monumento ai caduti del Parco della Rimembranza di Impruneta.

    “Purtroppo, vista la situazione attuale – dichiara il sindaco Alessio Calamandrei – dobbiamo continuare a tenere alta la guardia”.

    “Come istituzioni – precisa – dobbiamo indubbiamente dare il buon esempio, ed è inoltre fondamentale per la salute di tutti non rischiare di mettere a repentaglio la propria incolumità con eventi e manifestazioni nonostante si stia parlando del 25 aprile”.

    “Ci auguriamo tutti – conclude – che si tratti di un ultimo sforzo, nella consapevolezza che ne usciremo tutti insieme.”

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua