spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Domenica 29 settembre la sfilata parte alle 14. La Banda suona dopo i carri

    IMPRUNETA – La decisione è stata presa in una riunione nel pomeriggio di oggi con Ente Festa dell'Uva, Comune di Impruneta e rioni: che hanno consultato approfonditamente tutte le previsioni meteo per domenica 29 settembre e, alla fine, deciso di anticipare di un'ora la sfilata.

     

    Quindi non l'87esima edizione della Festa dell'Uva non partirà come da tradizione alle 15 ma un'ora prima, alle 14. Ogni rione avrà i consueti 30 minuti di tempo per proporre il proprio show: un grande spettacolo.

     

    Sui tre carri a disposizione, vengono create vere e proprie opere d'arte, per fare da collante ai circa 350 figuranti che raccontano con balli e coreografie il tema scelto per la rappresentazione.  Una giuria selezionata e altamente professionale voterà ogni singola sfilata.

     

    L'esibizione della Filarmonica Giuseppe Verdi di Impruneta, che di solito apre lo spettacolo, andrà stavolta in coda alla sfilata dei quattro rioni. Che verrà giudicata da una giuria specializzata invitata a valutare ciascuno show.

     

    L’ordine si sfilata sarà: Pallò, Sant’Antonio, Sante Marie e Fornaci. A seguire, dal terrazzo del Comune, il sindaco renderà pubblico il verdetto della giuria.

     

    I biglietti per l'accesso in piazza Buondelmonti possono essere acquistati agli ingressi il giorno della manifestazione.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...