spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 28 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Riflessioni del primo cittadino a poche ore dalla sfilata in piazza dei carri

    IMPRUNETA – Ha affidato alla propria pagina Facebook le riflessioni sulla Festa dell'Uva edizione 2013, a pooche ore dalla sfilata dei carri in piazza Buondelmonti. Riflessioni che riportano in primo piano tutte le problematiche "climatiche" di una festa che si tiene l'ultima domenica di settembre.

     

    A Impruneta si è anche deciso di anticipare di un'ora la sfilata dei carri prevista per le 15 (si parte alle 14 senza esibizione della Banda, clicca qui per i dettagli), per cercare di sfuggire a previsioni meteo davvero pessime.

     

    E proprio su questo concentra le sue riflessioni il primo cittadino Alessio Calamandrei, che nella tarda serata di sabato 28 settembre ha affidato a un post le sue ultime parole pre-festa: "In questo preciso momento – scrive Calamandrei – poco meno di 2.000 persone sono sui carri dei rioni per completare un lavoro bellissimo. Le prove generali che ho seguito dalle 19.15 a mezzanotte e mezzo sono andate bene".

     

    Poi: "Permettetemi un rammarico. Sapere che se domani (oggi, n.d.r.) piove tutte queste energie, entusiasmo, passione, siano disperse fino al prossimo anno senza la possibilità di un "diritto di replica" credetemi… Questa cosa mi fa andare in bestia".

     

    "È anche per questa mia agitazione – prosegue – che ho deciso stasera di ritirarmi e non fare il consueto giro. Ci sarà modo di ringraziarvi uno ad uno, per il momento vi dico un grazie generico. Grazie di avermi reso partecipe a pieno titolo di un esperienza bellissima".

     

    "La mia prima Festa dell'Uva da sindaco rimarrà per me indelebile impressa nella mia mente – conclude – e permettettemi, anche nel mio cuore. Grazie. Buon lavoro".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...