spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 19 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Fideiussione su intervento “Pesci-REF”: il sindaco di Impruneta Calamandrei presenta esposto in Procura

    Dopo le sollecitazioni del consigliere comunale Roberto Viti, l'annuncio in consiglio: "Ho firmato l'esposto-denuncia, adesso la Procura farà i suoi accertamenti e le sue verifiche"

    IMPRUNETA – Adesso l’autorità giudiziaria ha un “input” per indagare, se lo riterrà opportuno, sulla fideiussione presentata dal Consorzio Le Fornaci come garanzia per la realizzazione delle opere di urbanizzazione primaria del Piano Attuativo TRm08, ovvero l’intervento urbanistico denominato “Pesci-REF”

    L’ufficialità l’ha data il sindaco di Impruneta, Alessio Calamandrei, in apertura dell’ultimo consiglio comunale, il 23 febbraio scorso.

    “Aspettavamo determinati atti prima di agire – ha detto Calamandrei – per un esposto-denuncia presso la Procura della Repubblica”.

    Poi, l’ufficializzazione: “Ho firmato l’esposto-denuncia, consegnato ai vigili urbani in quanto autorità giudiziaria. In seguito è stato depositato presso la Procura della Repubblica, che adesso farà i suoi accertamenti e le sue verifiche”.

    “Questo – dice il consigliere comunale di Obbiettivo Comune, Roberto Viti – è accaduto in seguito ad una documentazione che ho presentato il 15 dicembre 2022, al sindaco e ai consiglieri comunali, dove erano riportate delle mail tra il sottoscritto e la società assicuratrice Starr Companies”.

    Viti aveva allegato alle sua email la polizia fideiussoria: sulla cui autenticità, sosteneva, forte anche delle comunicazioni con la compagnia assicuratrice, c’erano dubbi.

    Adesso è tutto in mano alla Procura della Repubblica di Firenze.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...