spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 3 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    I giardini curati in ogni singolo dettaglio: con la Torresi Scavi e la consulenza di Dario Boldrini

    Architetto del paesaggio, studia gli spazi valorizzando le caratteristiche singole. Ne risultano giardini su misura, che comprendono anche parti a orto, alberi da frutto, ...

    IMPRUNETA – Torresi Scavi, con il suo “quartier generale” a Impruneta, in via di Riboia 9, lavora sul territorio chiantigiano, nella provincia di Firenze e in tutta la Toscana nell’ambito di vari settori, in cui opera con professionalità ed esperienza.

    Dagli scavi alle strade (anche bianche), dall’edilizia alle recinzioni. Fino alla realizzazione di giardini.

    Proprio su quest’ultimo punto andremo a soffermarci, perché quelli realizzati da Torresi Scavi sono giardini molto particolari. Unici.

    Innanzi tutto perché Simone Torresi ha deciso di avvalersi della professionalità di Dario Boldrini, architetto del paesaggio.

    “Una consulenza fondamentale quella di Dario – specifica Torresi – che nei primi mesi del 2023 abbiamo deciso di comprendere nel prezzo di realizzazione dei giardini”.

    Un motivo in più per pensare di ristrutturare o realizzare il proprio giardino. Anche perché, come ricorda Torresi, “è stato confermato il bonus giardini, ovvero si può detrarre una parte dei lavori, delle opere a verde, fino a 5mila euro di tetto massimo”.

    “La collaborazione – prende la parola Dario Boldrini – nasce per offrire al cliente un lavoro più completo. Partendo dalla progettazione-disegno, curando ogni dettaglio, tenendo bene in conto anche l’inserimento nel luogo“.

    Parliamo quindi di “consulenze botaniche, rigenerazioni paesaggistiche, valutazioni ambientali, che solitamente non siamo abituati ad avere da chi realizza un giardino”.

    “Con Simone – prosegue Boldrini – abbiamo invece deciso di mettere insieme l’esigenza del luogo e del cliente. Riuscendo anche a cogliere particolari che non si riescono a cogliere in a un primo sguardo. Magari in un giardino tutto da ristrutturare, o in un terreno incolto”.

    Giardini anche… da mangiare. Come spiega meglio Boldrini: “Ci piace anche lavorare sulla parte edibile del giardinaggio, sull’orto-giardino, nell’inserire alberi, arbusti da frutto, da bacca, oltre alle erbe officinali. La compresenza di giardino e orto la reputo vincente. Dopo tanti anni ho capito che non c’è ma una settorialità, ma bisogna integrare”.

    Una collaborazione ormai consolidata quella fra Torresi e Boldrini: “Ci siamo incrociati – racconta l’architetto del paesaggio – su un progetto di boschi didattici realizzati in tanti luoghi diversi, in ben 32 spazi scolastici in tutta la Toscana. Ed è stato un percorso vincente, di grande soddisfazione”.

    “Un giardino –  tiene a dire Bolrdini – va cucito su misura sia sulla persona che sul luogo in cui va a inserirsi. Parliamo di giardini d’autore, con grande attenzione alla sostenibilità e alla loro semplicità di manutenzione“.

    “In questo senso – prende la parola, in conclusione,Torresi – siamo in grado di lavorare anche sulla sub irrigazione dei prati, con maggiore controllo e risparmio idrico“.

     


    📍 Via di Riboia 9, Impruneta

    📞 0552373788

    📨 info@torresi-scavi.it

    💻📱 www.torresi-scavi.it

    💻📱www.facebook.com/torresiscavi/

    (CONTENUTO SPONSORIZZATO)

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...