spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
lunedì 27 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Addio Luca Gasparri, il cordoglio dell’Ente Festa dell’Uva: “Un vuoto incolmabile nella nostra comunità”

    "Oggi è per la comunità della Festa dell'Uva un giorno triste: Luca Gasparri è stato un protagonista assoluto della nostra Festa"

    IMPRUNETA – “L’Ente Festa dell’Uva di Impruneta è vicino alla famiglia Gasparri e Innocenti, in particolare a Chiara, ai figli, ai fratelli e a tutte le persone (tantissime) che gli volevano e gli vorranno bene, per la scomparsa di Luca“.

    # Luca Gasparri non c’è più. Piange il rione del Pallò. Piange l’Impruneta. Piangiamo tutti noi

    # Il saluto del sindaco Calamandrei a Luca Gasparri: “Oggi è una giornata difficile per molti di noi”

    Inizia così il messaggio di cordoglio dell’Ente, presieduto da Riccardo Lazzerini, che riunisce al suo interno i quattro rioni imprunetini.

    Sant’Antonio, Fornaci, Sante Marie e, appunto, Pallò, del quale Luca Gasparri, scomparso stanotte all’età di 54 anni, era presidente.

    “Oggi è per la comunità della Festa dell’Uva un giorno triste – prosegue il messaggio – Luca Gasparri è stato un protagonista assoluto della nostra Festa”.

    Lo è stato, viene ricordato, “rivestendo ruoli importanti, sia nel Rione del Pallò (presidente per tre decenni) e come presidente dell’Ente Festa dell’Uva dando, allora, un impulso importante a questa manifestazione”.

    “Ci lascia – conclude l’Ente – dopo aver dato un contributo determinante alla realizzazione del nostro Museo. Ma, soprattutto, lascia un vuoto incolmabile alla nostra comunità”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...