lunedì 1 Marzo 2021
Altre aree

    Il dolore di Impruneta per la morte di Massimiliano Masi: aveva solo 49 anni

    Come atto di estrema generosità, ieri la famiglia ha acconsentito alla donazione degli organi. Era rionale palloiano: il ricordo dell'Ente Festa dell'Uva con le parole di Riccardo Lazzerini

    IMPRUNETA – E’ un dolore forte, fortissimo, quello che sta provando la comunità di Impruneta dal pomeriggio di ieri, sabato 16 gennaio.

    Da quando è diventata ufficiale la notizia che Massimiliano Masi, 49 anni, purtroppo non ce l’aveva fatta.

    Aveva avuto un malore nella mattinata, mentre stava uscendo di casa. I soccorsi hanno cercato di fare di tutto per salvarlo.

    # E’ morto l’uomo portato via con il Pegaso atterrato questa mattina al “campino del prete” di Impruneta

    E’ stato fatto alzare in volo l’elisoccorso Pegaso, atterrato al “campino del prete”. Da qui la partenza, in volo, verso l’ospedale. Purtroppo inutilmente.

    Massimiliano, come detto, non aveva ancora compiuto 50 anni. Rionale del Pallò, era un grande amante della musica rock.

    Ed è proprio la Festa dell’Uva, intesa comune comunità di persone, che per bocca del presidente dell’Ente, Riccardo Lazzerini, lo ricorda con commozione.

    “A nome dell’Ente Festa dell’Uva e di tutti i rionali – dice Lazzerini – ci stringiamo ai suoi cari in un questo momento di dolore”.

    “Massimiliano era una presenza costante nell’ambito del rione del Pallò e dei rioni in generale” ricorda Lazzerini.

    “Da tutti conosciuto – conclude il presidente dell’Ente – sempre discreto ma con la giusta e puntuale critica nel momento giusto. Ciao Massi!”.

    Come atto di estrema generosità, ieri la famiglia ha acconsentito alla donazione degli organi.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...