spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 16 Gennaio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Illuminazione Basilica Impruneta: “Cosa intende fare il Comune dopo la richiesta di don Oropallo?”

    Lo chiede (al sindaco) il consigliere di FdI Matteo Zoppini: "Non rappresenta solo un simbolo religioso, ma identifica l'intero territorio comunale"

    IMPRUNETA – Cosa intende fare l’amministrazione comunale di Impruneta in seguito alla richiesta del proposto della Basilica di Santa Maria, don Luigi Oropallo, di illuminare la facciata della chiesa?

    # Don Oropallo scrive al Comune di Impruneta: “Illuminate la Basilica e lo spazio antistante di notte”

    Lo chiede ufficialmente il consigliere comunale di Fratelli d’Italia, Matteo Zoppini, in una domanda di attualità indirizzata al sindaco Alessio Calamandrei.

    Zoppini fa riferimento “alla lettera protocollata dal monsignor Luigi Oropallo in data 8 novembre 2021, firmata dal proposto e dal consiglio parrocchiale della Basilica di Santa Maria all’Impruneta”.

    Lettera nella quale, ricorda Zoppini, “viene rappresentato che l’amministrazione ha interrotto – senza comunicazioni o avvisi – l’illuminazione della Basilica, a cui da anni provvedeva”. E che “non emerge alcuna interlocuzione preventiva col proposto od altri”.

    Matteo Zoppini, consigliere comunale di Fratelli d’Italia (gruppo di opposizione di centrodestra) a Impruneta

    Viene anche evidenziato da Zoppini “che, come è del resto notorio ed a tutti ben evidente, la Basilica non è rappresentativa unicamente di un simbolo religioso, ma bensì identificativa dell’intero territorio del comune di Impruneta, rappresentandone – senza dubbio alcuno – il monumento più importante, significativo e storico”.

    Si chiede quindi, ufficialmente, al sindaco Calamandrei: “Se è a conoscenza della citata lettera; per quali motivi non abbia provveduto ad una preventiva consultazione col Proposto prima di provvedere a interrompere l’illuminazione della Basilica”.

    Zoppini prosegue chiedendo al sindaco “se non ritiene che dalla mancata illuminazione, anche della piazza, possa derivare pericolo per cose o persone essendo priva di visibilità la parte centrale del comune di Impruneta”.

    Infine, “se ha interloquito con la Soprintendenza Archeologica, belle arti e paesaggio per la città metropolitana di Firenze prima di procedere con le determinazioni di cui sopra; se e quali azioni intende intraprendere in seguito alla lettera”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...