spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 26 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Impruneta Futura chiede una serie di interventi urgenti per il cimitero di Montebuoni

    Tante le situazioni da sanare nel camposanto sopra a Tavarnuzze: "Lo stato in cui attualmente versa, richiede un controllo immediato e azioni specifiche"

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Nel consiglio comunale del prossimo 24 aprile il gruppo consiliare di opposizione Impruneta Futura presenterà una mozione “con cui si chiede – spiega il portavoce, Paolo Magnelli – di intervenire sul cimitero di Montebuoni a Tavarnuzze, in quanto ad oggi non è stato comunicato dall’amministrazione comunale un preciso programma di interventi, che appunto non compare nel Piano Triennale”.

    Vengono indicate “le pessime condizioni in cui versa il marciapiede che conduce all’entrata del cimitero, con la conseguenza di possibili rischi di cadute”.

    Viene segnalata “la grande apertura circolare, posta a metà del primo piano dell’edificio all’interno del Cimitero, rivestita in mattoni faccia vista all’esterno ed intonacata all’interno. Che presenta evidenti danni di dilavamento, causati quasi certamente, da problemi alla
    copertura, come la mancanza di guaina o il suo deterioramento”.

    “Da qui – dicono ancora da Impruneta Futura – il conseguente ammaloramento dell’intonaco, che si allarga verso i loculi compromettendone le parti interessate”.

    Si evidenzia “la mancanza di gronde e pluviali, che finisce per coinvolgere anche la parte delle tombe a terra”.

    “Il confine cimiteriale – viene spiegato ancora – risulta costituito da un ombreggiante verde, da una rete elettrosaldata in ferro e da supporti tipo transenne da cantiere, in teoria provvisorie, diventate permanenti. Muro a retta con evidenti infiltrazioni d’acqua e muretti in pessimo stato”.

    “Siamo consapevoli – dicono da Impruneta Futura – del fatto che il cimitero in questione sia stato sottoposto nel tempo ad ampliamenti e manutenzioni ordinarie e straordinarie, ma lo stato in cui attualmente versa, richiede un controllo immediato e azioni specifiche”.

    Per questo motivo, viene chiesto a sindaco e giunta “di accogliere la proposta del gruppo di Impruneta Futura, contenente i seguenti punti”.

    Che sono questi: predisposizione di un intervento per il rifacimento del marciapiede che conduce al cimitero; controllo dell’accesso che da via Montebuoni porta all’entrata del cimitero.

    E ancora, intervento tempestivo sulle coperture e integrazione dei loro complementi mancanti come gronde e pluviali; adeguata regimentazione delle acque piovane, senza il quale, le zone di sepoltura a terra sono inaccessibili per il fango permanente e le tombe a terra continueranno ad affossarsi.

    Viene chiesto l’intervento sulla facciata con la grande apertura circolare che mostra danni visibili di dilavamento all’esterno e ammaloramento dell’intonaco all’interno; e di stilare un elenco di possibili interventi sulle parti strutturali colpite da visibile degrado.

    Infine, si chiedono la sostituzione dell’ombreggiante verde e della rete elettrosaldata con un adeguato manufatto costituente il confine dell’area cimiteriale; di predisporre una previsione pluriennale di posti a terra, posti in colombari e ossarietti. 

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...