spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 23 Aprile 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Impruneta Futura, Matteo Aramini si dimette da consigliere comunale: “Non è facile trovare le parole giuste”

    "La politica, ed ancora più nello specifico la politica del fare, mi ha dato tanto. Spero, oltre ad averle restituito qualcosa, che la mia avventura non si concluda qui..."

    IMPRUNETA – Ha protocollato le sue dimissioni nella mattinata di oggi, martedì 5 marzo: da poco prima delle 13 quindi Matteo Aramini non è più consigliere comunale.

    L’ex vicesindaco, che lo scorso anno si era candidato a sindaco con la lista civica Impruneta Futura, dopo pochi mesi aveva passato il testimone da capogruppo a Sabrina Merenda.

    Adesso si chiama definitivamente fuori: “Oggi non è per niente facile trovare le giuste parole dopo anni di operato politico su questo meraviglioso territorio. Prima da membro dirigenziale del Pd, poi da consigliere e vicesindaco ed infine da candidato a sindaco e consigliere di opposizione”.

    “Oggi – annuncia – ho rassegnato, fatemi dire con gli occhi lucidi, le mie dimissioni da consigliere comunale, per motivi personali e professionali”.

    “Si chiude per me un ciclo – riprende – un capitolo importantissimo della mia vita. Un’esperienza incredibile che mi porterò nel cuore. Sia per le profonde emozioni, sia per la crescita professionale. Tanti obiettivi raggiunti nei cinque anni di amministrazione, motivo di grandi soddisfazioni, ed altrettante sconfitte che mi hanno permesso di imparare e crescere”.

    “Poi – continua Aramini – la grande avventura della candidatura a sindaco che mi ha fatto entrare in contatto con tanti di voi, se non quasi tutti, rafforzando ancora di più il mio legame con la comunità, legame che porterò per sempre nel cuore”.

    “Una squadra incredibile – rivendica – che si sarebbe messa a disposizione di Impruneta e dei suoi cittadini. Una squadra che numericamente ha perso per una manciata di voti, ma che si è guardata alle spalle orgogliosa del segno lasciato in quei mesi”.

    “Desidero ringraziarvi di cuore – sottolinea l’ormai ex consigliere comunale Aramini – Grazie a chi mi ha dato fiducia nel tempo per i vari incarichi assegnatomi e ricoperti, grazie a chi mi ha sostenuto e grazie anche a chi con me si è confrontato educatamente e costruttivamente, anche se poi ognuno è rimasto magari sulle proprie posizioni”.

    “Lascio Impruneta Futura – tiene a specificare – la lista da me fondata, in ottime mani, mani di persone che continueranno il loro lavoro con il massimo dell’impegno e alle quali ho dato la mia disponibilità, in termini di esperienza e competenze, da membro esterno e senza alcuna presunzione, qualora lo ritenessero utile”.

    “La politica – conclude – ed ancora più nello specifico la politica del fare, mi ha dato davvero tanto e spero, oltre ad averle restituito qualcosa, che la mia avventura in questo settore non si concluda qui perché il desiderio, la disponibilità e la volontà continuano ad essere forti e presenti…quindi a presto!”-

    All’orizzonte infatti ci sono le elezioni amministrative del prossimo giugno, a Firenze, dove Aramini ha sposato la causa di Azione.

    Per quanto riguarda il suo posto in consiglio comunale, il primo dei non eletti di Impruneta Futura alle amministrative dello scorso anno fu Tommaso Orlandini, con 89 preferenze (seguito da Lucilla Lepri con 87).

    La lista civica ha avviato le sue consultazioni interne: si resta in attesa della comunicazione del nuovo ingresso.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...