mercoledì 14 Aprile 2021
Altre aree

    Impruneta, il sindaco: “Comuni vicini in situazioni drammatiche. Non giochiamoci tutto adesso!”

    Alessio Calamandrei ai cittadini: "A Impruneta non va male, ma... sparpagliatevi! Basta assembramenti in piazza don Chellini, alla Barazzina, davanti ai bar per l'aperitivo. Con la zona rossa... vi giocate anche quello"

    IMPRUNETA – E’ un Alessio Calamandrei che parte dalla consapevolezza che in questo universo-Covid il comune di Impruneta non è messo male rispetto al resto.

    Anzi, come scrive in un lungo post che affida ai suoi canali social, “ci sono comuni molto vicini a noi che stanno vivendo situazioni drammatiche”.

    “Ci avviciniamo al fine settimana – riprende – non molliamo proprio adesso! Come comune non stiamo andando male, è segno che la consapevolezza della gravità della situazione ormai fa parte di molti di noi. Di molti ma non di tutti”.

    “Cerchiamo di avere maggior rispetto delle regole – esorta – per il bene di tutti, nostro e dei nostri cari. Sinceramente non so se da domenica saremo ancora “arancione”, “arancione rinforzato” o “rossi”. So però una cosa, che diverse situazioni sono ancora da migliorare”.

    E va ad elencarle: “Gli assembramenti in piazza Don Chellini a Tavarnuzze, intorno ai giochi per bambini, e nel parco della Barazzina. Gli assembramenti fuori dai bar per l’aperitivo, sopratutto nell’avvicinarsi del fine settimana. Lo voglio dire con la massima tranquillità: sparpagliatevi!”.

    “Possibile – domanda – che si debbano ancora vedere genitori sulle panchine senza mascherina mentre i propri figli corrono e giocano? Nessuno vuol vietare ai bambini di avere mezz’ora di svago usciti da scuola, ma per favore rispettate le regole! Se passiamo in zona rossa, saremo costretti a richiudere i parchi e le piazze!”.

     

    “Oppure – rincara – vedere il “pigia pigia” fuori da alcuni bar? Lo spazio per allontanarsi qualche decina di metri e bere il proprio aperitivo in libertà certo non manca! E direi che la cosa vale per tutti i bar presenti sul territorio!”.

    Va nei dettagli Calamandrei: “Dal bar La Pergola con tutto il parco della Barazzina davanti, al bar Le Tavarnuzze con ampio spazio davanti e parcheggio laterale del palazzo del comune. Giusto per citarne due e non dovermi mettere a fare l’elenco”.

    “Abbiate rispetto in primis – dice ancora – proprio per chi, nonostante le difficoltà del momento, riesce a garantire aperta quella serranda, ed a voi di poter godere di un aperitivo in compagnia di “alcuni” amici! Non voglio certo arrivare ad emanare un ordinanza dove la consumazione dell’asporto non è consentita entro tot. metri dall’attività di somministrazione, ma se i comportamenti scorretti continueranno, ne sarò costretto”.

    “Mascherina, mani sanificate e distanziamento – conclude – Queste sono le regole da rispettare. E se andiamo in zona rossa, mi sa che vi giocate anche l’aperitivo d’asporto”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...