spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 14 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Autopalio, incidente nella galleria della Vallombrosina: muore un uomo di 67 anni

    Si era alzato in volo anche Pegaso, atterrato a Tavarnuzze. Poi però era ripartito senza prendere feriti a bordo

    FIRENZE-SIENA – Ha avuto un esito drammatico l’incidente avvenuto questa mattina, mercoledì 6 febbraio, sull’Autopalio nella carreggiata in direzione Siena.

     

    Dove, all’altezza della galleria la Vallombrosina, un uomo di sessantasette anni, residente a Firenze, è deceduto all’interno della sua auto dopo avere urtato l’angolo di inizio della galleria, coinvolgendo anche un’altra auto.

     

    Pochi metri e l’auto si è poi fermata appoggiandosi alla parete della galleria, sulla corsia di sorpasso. Da capire se la morte sia avvenuta in seguito all'impatto o se il tutto possa essere stato causato da un malore.

     

    Immediati i soccorsi da parte delle ambulanze con medico a bordo: mentre insieme ai volontari stava cercando di rianimare l’uomo, è stato chiesto anche l’intervento dell’elisoccorso Pegaso, atterrato a Tavarnuzze nella zona di via Barducci.

     

    Ma purtroppo non c’è stato nulla da fare, tanto che l'elicottero è ripartito senza prendere nessuno a bordo.

     

     

    Un’altra persona è rimasta ferita. L’incidente è avvenuto intorno alle 10.15. Il traffico si è da subito congestionato, nonostante sia stata riaperta appena possibile la corsia di marcia direzione Siena.

     

    Sul posto gli agenti della polizia stradale di Firenze, i vigili del fuoco, mezzi dell’Anas e operai che intorno alle 13.30 hanno ripulito la carreggiata consentendo la riapertura totale al traffico.

    di Antonio Taddei

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...