venerdì 25 Settembre 2020
Altre aree

    Lavori e soldi dovuti da Società Autostrade a Impruneta: “Il sindaco si sveglia dopo 17 anni…”

    Dice Cittadini Per Impruneta: "In questi anni non ha risposto alle domande che gli sono state fatte ed ha anche detto e scritto che le "colpe" erano tutte di "quelli di prima"..."

    IMPRUNETA – “Ieri, di punto in bianco, l’attuale sindaco e assessore alle opere pubbliche Alessio Calamandrei ha pubblicato un suo post su Facebook in cui, tra varie affermazioni incongruenti, dichiara anche di “essere personalmente in contatto col Governo” al quale sta chiedendo “la monetizzazione di circa 34 milioni di euro di opere mai realizzate” da Società Autostrade, la quale ha disatteso gli impegni assunti con il Comune di Impruneta nel 1999″.

    # “21 anni di convenzione con Società Autostrade: ora il Comune di Impruneta vuole i 34 milioni di euro!”

    Inizia così la replica del gruppo di opposizione Cittadini Per Impruneta all'”ultimatum” lanciato dal sindaco di Impruneta, via social, a Società Autostrade.

    Un’uscita figlia di tutto quello che è accaduto dal crollo del Ponte Morandi in poi. E della paura di non monetizzare mai più quanto è dovuto al territorio imprunetino.

    “34 milioni di euro di lavori a favore del nostro territorio – rimarca Cittadini Per – 21 anni fa Società Autostrade firmò questo impegno con il nostro Comune. Ma poi questi lavori non sono stati fatti. Frattanto, per 17 di questi 21 anni, Alessio Calamandrei è stato presidente del consiglio comunale e sindaco”.

    “E adesso – incalzano – “si sveglia” e si accorge che 21 anni di ritardo sono troppi. E in questi anni, troppo spesso, non ha risposto alle domande che gli sono state fatte ed ha anche detto e scritto che le “colpe” erano tutte di “quelli di prima”…”.

    Ricordando anche che “l’importante accordo stipulato nel 1999 tra Comune di Impruneta e Società Autostrade è stato aggiornato e rimodulato dalle giunte comunali che si sono succedute fino ad oggi”.

    “Il quarto atto aggiuntivo all’accordo – rimarcano – è stato definito dalla giunta Calamandrei a fine 2018”.

     

    “Questo – concludono stilando un elenco – il quadro dei lavori e delle opere che non molto tempo fa ci è stato comunicato dall’ottimo ingegnere comunale Alessio Ricciardelli“.

    1. PARCHEGGIO SCAMBIATORE CERTOSA (Delibera Giunta comunale del 29 maggio 2018)
    2. PARCO PUBBLICO (“Parco Pali”) E CASSA ESPANSIONE FIUME GREVE A TAVARNUZZE;
    3. PARCHEGGIO BOTTAI (già fatto);
    4. STRADA CIMITERO POZZOLATICO (già fatta);
    5. PERCORSO PEDONALE A POZZOLATICO;
    6. PISTA CICLOPEDONALE DA BOTTAI A TAVARNUZZE;
    7. COMPLETAMENTO RIPRISTINI AI SOTTOPASSI RIBOIA E PONTE A IOZZI;
    8. LOGO DI IMPRUNETA SUL MURAGLIONE AL CASELLO AUTOSTRADALE FIRENZE-IMPRUNETA;
    9. PIAZZA DON CHELLINI A TAVARNUZZE (già fatta);
    10. ILLUMINAZIONE DI VIA COLLERAMOLE DAL CAMPING AL FIUME GREVE (già fatta);
    11. COMPLETAMENTO PER VIABILITÀ COLLERAMOLE – CAMPING – CHICHIBIO;
    12. SEMISVINCOLI DELL’AUTOPALIO AL CIMITERO DEGLI AMERICANI (già fatti);
    13. VIABILITÀ CASCINE DEL RICCIO – MONTERIPALDI;
    14. VIABILITÀ DA CIMITERO POZZOLATICO A SOTTOPASSO AUTOSTRADALE;
    15. VIABILITÀ ULTIMO TRATTO PONTE A IOZZI;
    16. ALCUNI INTERVENTI DI ASFALTATURA (FATTI, DA FARE E IN CORSO).

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino