spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 28 Giugno 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Il consigliere di Sel: “Vogliono solo arrivare il piu’ possibile vicini alle elezioni…”

    E' il personaggio sotto tutti i riflettori del momento nella politica imprunetina: Riccardo Lazzerini, consigliere comunale e provinciale di Sel è colui che, indicato dal partito come candidato alle primarie di coalizione, ha fatto esplodere l'accordo appena nato, con il Pd di Impruneta che si è opposto con decisione alla sua "discesa in campo".

     

    In questi ultimi giorni sul Gazzettino le polemiche e le prese di posizione si ripetono a un ritmo incessante. E, puntuale, ecco arrivare quella dello stesso Lazzerini, affidata alla sua pagina Facebook.

     

    "In tutte le vicende – scrive Lazzerini – esistono verità più o meno nascoste. Nella annosa questione primarie di centrosinistra imprunetina il veto imposto al sottoscritto è uno strumento (in mano ai soliti noti) per traghettare il Pd di Impruneta il più vicino possibile alle elezioni".

     

    In pratica, è l'accusa di Lazzerini, una tattica per scongiurare ogni possibilità di primarie, di coalizione ma anche all'interno del partito: "Scongiurare – prosegue – un reale passaggio o vaglio democratico da parte della cittadinanza tutta. Per coloro, in realtà, l'alleanza è già conclusa (scongiurando in primis interferenze di candidati esterni) ma ancora c'è da risolvere il secondo problema rappresentato da primarie aperte e quindi soggette a possibili sorprese".

     

    "Io – conclude – noi, crediamo tutt'altro: che sia necessaria la massima condivisione possibile in un momento politico e sociale devastante, rappresentata da alleanze larghe e soprattutto dalla scelta delle candidature attraverso vere primarie".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...