spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 1 Luglio 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Lo storiografo dei disguidi”: Paolo Codazzi sabato 5 febbraio alla biblioteca di Impruneta

    A partire dalle ore 16.30 presentazione del suo libro "Lo Storiografo dei Disguidi" (Ed. Arkadia), sullo sfondo di una Firenze sonnolente e ripiegata su se stessa

    IMPRUNETA – Sabato 5 febbraio, alle ore 16.30 nella biblioteca comunale di Impruneta (piazza Buondelmonti 19), presentazione del libro di Paolo Codazzi “Lo Storiografo dei Disguidi” (Ed. Arkadia).

    Una raccolta di racconti legati tra loro da un visionario strabismo della realtà, ciascuno con un suo significato, i propri personaggi, i punti di vista che intersecano fatti e vicende comuni e straordinarie sullo sfondo di una Firenze sonnolente e ripiegata su se stessa. Incipit dell’assessore Sabrina Merenda.

    “Lo storiografo dei disguidi” sarà presentato anche giovedì 10 febbraio, alle ore 18, nella libreria Libraccio di Firenze (via de’ Cerretani 16R). Dialogherà con l’autore Paolo Ciampi.

    “Mettere in dubbio ogni certezza. Non ritenere che ci sia qualsiasi forma di determinismo al di fuori del ciclo vitale. Possedere la consapevolezza che perfino ‘molti avvenimenti della Storia, celebrati da generazioni di studiosi e politici, in realtà furono frutto del caso, o meglio di quella parola formata dalle stesse lettere: il Caos (p.136), sicché l’unica forma di storiografia affidabile non è quella sterilizzata e codificata nei libri degli storici (“chirurghi ubriachi”), ma è quella che si fonda sull’arbitrarietà di chi osserva con distrazione gli avvenimenti e li tramanda senza scrupoli filologici, dato che lo stesso caos si nutre inevitabilmente di equivoci, dato che la serietà ostinata non è nient’altro che una seriosità arrogante”.

    Forse sono questi gli assunti alla base dei racconti spensierati ma non distaccati di Paolo Codazzi, raccolti nello “Storiografo dei disguidi”.

    Racconti nei quali Paolo Codazzi, con la sua affascinante sintassi ipotattica, affonda il coltello di un aereo nichilismo partecipe nella carne del corposo, invadente dogmatismo quotidiano; nei quali l’autore s’inoltra nel grottesco della meschina svalutazione automatica degli uomini e dei fatti a prima vista privi d’interesse, per ribaltarlo, sostituendo il deprezzamento con la stima paradossale, trasformando l’inconsistenza con l’importanza di un altro tipo di grottesco, quello che deforma la realtà per troppo affetto, che deride gli assiomi ufficiali per troppo rispetto.

    Paolo Codazzi, fiorentino, per alcuni decenni consigliere delegato di un’impresa nel ramo delle costruzioni, si è dedicato fin da giovane al suo amore principale, la scrittura.

    Appassionato di varie discipline, prima fra tutte la storia antica, ha fondato nel 1983, con Franco Manescalchi, la storica rivista fiorentina “Stazione di Posta”. Ha ideato e presiede il Premio Letterario Chianti.

    Ha pubblicato due raccolte di poesie (“Il primo viaggio”, 1980; “L’inventore del semaforo”, 1985), i romanzi “Come allevare i ragni” (Lalli Editore, 1982), “Caterina” (Amadeus, 1989), “Il cane con la cravatta” (Mobydick, 1999), “Il destino delle nuvole” (Mobydick, 2009), “La farfalla asimmetrica” (Tullio Pironti, 2014), “Il pittore di ex voto” (Tullio Pironti, 2017), le raccolte di racconti “Nei mattatoi comunali” (Solfanelli, 1992) e “Segreteria del caos” (Mobydick, 2002).

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...