spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
giovedì 11 Agosto 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Massimo Falciani se n’è andato: la lettera in ricordo dei suoi amici

    “Se ne va un grande Amico. L’amico di tutti. Una persona buona, solare, generosa con la quale abbiamo trascorso momenti spensierati e speciali, frutto di un’amicizia profonda e sincera"

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Se ne è andato ieri, mercoledì 19 agosto Massimo Falciani, lasciando Tavarnuzze, il suo paese (ma non solo Tavarnuzze), in lutto.

    Tantissimi i messaggi comparsi in queste ultime ore nella sua bacheca Facebook, tutti lo salutano per questo ultimo viaggio e si stringono intorno alla sua famiglia.

    In questo momento così doloroso, vogliamo lasciare spazio ai suoi amici, a chi davvero lo conosceva e lo amava.

    Condividendo la lettera che gli hanno scritto e ci hanno affidato, per salutarlo un’ultima volta e per ricordare la persona speciale che era. E sempre sarà.

    Se ne va un grande Amico. L’amico di tutti. Una persona buona, solare, generosa con la quale abbiamo trascorso momenti spensierati e speciali, frutto di un’amicizia profonda e sincera.

    Abbiamo perso l’amico allegro, colui che con la sua risata scaldava il cuore a tutti noi.

    Il suo essere prorompente ma estremamente tenero ed umano era la qualità che lo contraddistingueva, oltre a tutti gli altri suoi pregi.

    È stato il nostro collante, colui che con l’amicizia ci ha tenuto sempre uniti.

    Siamo vicini alla moglie Francesca ed ai figli Cosimo e Corso e siamo certi che Massimo li guiderà e ci guiderà per sempre con i ricordi indelebili che ha lasciato a tutti.

    Ciao Massimo, sarai sempre nell’angolo più comodo del nostro cuore, ci rimarrai per sempre.

    I tuoi tanti amici”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...