spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 7 Febbraio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    La Misericordia festeggia San Tobia. Il Governatore Dal Pino: “L’associazione è vostra”

    Sabato 18 novembre verranno inaugurati anche due mezzi, entrambi in memoria di Massimo Morandi

    IMPRUNETA – “In occasione del nostro patrono San Tobia, abbiamo deciso di dare un’importante segnale al paese: la Misericordia di Impruneta è a vostra disposizione, è per voi, è vostra.”

     

    Inizia a parlare così Simone Dal Pino, a un anno dalla sua elezione come Provveditore della Misericordia di Impruneta, in occasione della manifestazione che si terrà sabato 18 novembre.

     

    “Il prossimo sabato – annuncia Dal Pino – in onore del nostro patrono, si terrà la ricorrenza annuale di San Tobia: verrà celebrata la Santa Messa alle 18, con la benedizione dei panini, e successivamente verranno benedetti anche i nuovi due mezzi acquistati dalla Misericordia: un carrello polivalente e un’idrovora, entrambi in memoria di Massimo Morandi, un nostro volontario che purtroppo ci ha lasciati quest’estate".

     

    Dopo la benedizione ci sarà un rinfresco presso il Circolo Cattolico San Giuseppe, aperto a tutti: “La decisione di aprire a tutti il rinfresco, e non solo ai volontari o ai soci, fa parte della nostra volontà di avvicinarsi alla popolazione, mettere la misericordia al centro del paese, poiché appartiene a tutti” afferma il Governatore.

     

    “Per quanto riguarda il bilancio del suo primo anno in carica invece “lo ritengo senza dubbio positivo – dichiara – anche se ogni giorni ci scontriamo con due grandi problematiche: quello dei volontari, che sono sempre in diminuzione, e quello burocratico con relativi adempimenti economici annessi".

     

    Ed è proprio il “reclutamento” dei volontari, uno dei prossimi obiettivi della Misericordia, fondamentale per il funzionamento e la realizzazione dei servizi forniti dall’associazione, anche se non l’unico.

     

    “Ci siamo posti molti obiettivi – rilancia Dal Pino – alcuni li abbiamo raggiunti, altri ci stiamo lavorando. Ad esempio abbiamo deciso di ristrutturare i locali della sede operativa Misericordia in piazza Accursio, per mettere a disposizione dei volontari un ambiente decoroso e dignitoso e in parte lo abbiamo già fatto. Nel frattempo stiamo anche cercando dei locali per la Protezione Civile, questo è ancora un progetto in via di realizzazione”

    È doveroso affermare inoltre – aggiunge – che la ristrutturazione dei locali è stata possibile grazie alle volobtà di Paola Billi, deceduta lo scorso anno, che ha deciso di devolvere parte dei suoi beni a favore della Misericordia".

     

    “Altro obiettivo è senza dubbio la collaborazione con altre associazione del territorio – dice orgolgioso – che ci sono già state e che vogliamo rafforzare sempre di più, come ad esempio la Fratres. La collaborazione più recente si è avuta in occasione del pranzo realizzato a favore dell’associazione “Io Non crollo” di Camerino, che grazie alla cooperazione della Misericordia, del circolo Cattolico San Giuseppe e dell’associazione la Barazzina è stato possibile far sedere a tavola più di 140 persone”.

     

    “Colgo l’occasione – conclude Dal Pino – per invitare chiunque fosse interessato a dedicare parte del suo tempo alla Misericordia, di venire a trovarci in sede, in piazza Accursio, oppure chiamare allo 0552011088”.

    di Costanza Masini

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...