mercoledì 30 Settembre 2020
Altre aree

    “Io sono Anna Frank”: la mostra alle scuole medie di Tavarnuzze

    Inaugurata il 22 marzo. Il dirigente scolastico: "Il nostro impegno nel tenere viva la memoria"

    TAVARNUZZE (IMPRUNETA) – Giovedì 22 marzo l’Istituto Comprensivo "Primo Levi" di Impruneta ha inaugurato, presso la biblioteca del plesso di Tavarnuzze, la mostra dal titolo "Io sono Anna Frank", realizzata in collaborazione con l’Associazione di volontariato "Un ponte per Anne Frank", con sede a Rosignano Solvay.

     

    Con questa iniziativa l’Istituto vuole ancora una volta ribadire il proprio impegno nello sviluppo delle tematiche di cittadinanza e Costituzione, affinché gli alunni imparino innanzitutto ad essere dei cittadini consapevoli dei diritti umani, delle libertà individuali in una società multiforme e democratica.

     

    "È nostro impegno – dice il dirigente scolastico, Gian Lucio Esposito – tenere viva la memoria di Anne Frank e della sua famiglia, riesaminare i fatti della Shoah, analizzare le conseguenze causate da guerre, discriminazioni, ingiustizie, persecuzioni e indifferenze, fenomeni ancora oggi presenti".

     

    "La mostra – dice ancora Esposito – nasce grazie alla stretta collaborazione creata tra i docenti di Lettere e gli alunni delle classi terze e saranno proprio questi ultimi i veri protagonisti del progetto, in quanto nelle vesti di vere e proprie guide illustreranno i contenuti e guideranno le riflessioni dell’intero percorso esposto".

     

    La mostra sarà accessibile a tutta la comunità fino al 28 marzo anche in orario pomeridiano, dalle 17 alle 19, con l’auspicio che tale invito venga accolto da un vasto pubblico.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino