spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 19 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Nella Natura delle Cose”: la personale di Maria Chiara Cecconi, nel Museo della Festa dell’Uva di Impruneta

    Residente nel Chianti (sanpolese), esplora il suo sentire attraverso opere realizzate con materiali diversi, principalmente terracotta di Impruneta, china e carta washi giapponese

    IMPRUNETA – La mostra personale di Maria Chiara Cecconi, intitolata “Nella Natura delle Cose”, è stata inaugurata ieri, sabato 13 aprile, al Museo Festa dell’Uva, a Impruneta.

    Cecconi, scultrice residente nel Chianti (sanpolese), esplora il suo sentire attraverso opere realizzate con materiali diversi, principalmente terracotta di Impruneta, china e carta washi giapponese.

    L’artista descrive l’esposizione come un intimo dialogo tra sé stessa e la natura, esprimendo un messaggio delicato e leggero che riflette la voce del destino o dei fati, secondo il pensiero individuale.

    La mostra include anche un video che presenta opere realizzate in collaborazione con la fornace Poggi Ugo di Impruneta.

    Diplomata in Scultura all’Accademia delle Belle Arti di Firenze, Maria Chiara Cecconi coniuga la sua pratica artistica con commissioni professionali, collaborando con musei, architetti, designer e laboratori di Alto Artigianato.

    Le sue opere, presenti in numerose esposizioni personali e collettive, adornano collezioni private in Italia e all’estero.

    Attraverso il suo lavoro, Cecconi instaura un costante dialogo tra vita, arte e creazione, sperimentando e ricercando l’armonia tra materia e concetto.

    La mostra sarà aperta dal mercoledì alla domenica fino al 5 maggio, dalle 15.30 alle 19, presso il Museo Festa dell’Uva di Impruneta.

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...