spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
sabato 15 Giugno 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “Roberto Viti si candidi pure, ma Obbiettivo Comune ha esaurito il suo percorso”

    Precisazione dei membri del direttivo della lista civica, nata 20 anni fa. Che considerano alla fine della sua vita politica

    IMPRUNETA – Nei giorni scorsi il consigliere comunale di Obbiettivo Comune, Roberto Viti, ha annunciato la sua candidatura a sindaco nelle file della lista civica.

     

    A sentire però i membri di quello che è rimasto del gruppo fondatore della lista civica stessa, presente nella vita politica imprunetina da oltre vent'anni, la candidatura di Viti (che non viene contestata) è una candidatura, ci si passi il gioco di parole, per un… "Obbiettivo Viti" più che per "Obbiettivo Comune".

     

     

    A spiegarci i motivi sono Graziano Nesi, Aldo Toti e Luciano Lepri, premettendo "che Roberto Viti ha il diritto di candidarsi a sindaco per la lista di Obbiettivo Comune in quanto ne è attualmente il rappresentante in consiglio comunale".

     

    Ma "i sottoscritti – spiegano – facenti parte del direttivo di Obbiettivo Comune, che comprende anche Roberto Viti, ritengono doveroso precisare che né il direttivo né alcun membro di esso, a parte evidentemente Viti, ha mai espresso la volontà di presentare la lista alle prossime elezioni amministrative o di candidarlo a sindaco".

     

    Insomma, Viti si candidi pure. Ma non pensi di poterlo fare con il sostegno di una lista civica che considera esaurito il suo ciclo.

     

    E Nesi, Toti e Lepri lo spiegano a chiarissime lettere: "La lista Obbiettivo Comune, senza l’appoggio di Forza Italia e degli altri membri del direttivo, che hanno sostenuto la lista nel 2013 ma che ritengono abbia ormai esaurito la sua funzione, ha oggettivamente pochissime probabilità di raggiungere il quorum per prendere un consigliere comunale".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...