spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 2 Ottobre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Per l’albanese Anteo Cara, considerato fra i due esecutori materiali del pestaggio mortale

    TAVARNUZZE –  Trent'anni di carcere (comminati in rito abbreviato) ad Anteo Cara, l'ultimo membro della spedizione omicida che il 26 aprile del 2010 massacrò nella sua casa il pasiccere di Tavarnuzze Massimiliano Da Lio: una morte, quella di da Lio, che sopravvenne pochi giorni dopo quel terribile quanto brutale pestaggio.

     

    Pestaggio per il quale il 2 marzo scorso il giudice aveva condannato per omicidio volontario due albanesi, Sandiljian Buzhala e Edinio Nikaj, a 24 e 30 anni di reclusione (clicca qui per leggere l'articolo).

     

    Nell'ambito di quel pestaggio l'albanese Cara, secondo le ricostruzioni effettuate dagli investigatori, si era connotato come l'esecutore materiale dell'assassinio assime eal connazionale Fabian Mikaj. Che non è stato possibile né arrestare né tantomeno (ovviamente) processare, in quanto ucciso nel suo Paese natale.

     

    I primi ad essere condannati alla fine del 2011 furono Fabrizio Maioriello, Erald Nikaj e l'italiano (residente a Campi Bisenzio) Carmelo Casella, indicato come il mandante della spedizione punitiva. Messa in atto per questioni di soldi e camuffata in rapina: ma la violenza con cui  venne messa in atto portò alla drammatica morte del pasticcere tavarnuzzino.

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...