domenica 17 Gennaio 2021
Altre aree

    Paolo Poggini, prime parole da nuovo Provveditore della Misericordia di Impruneta

    “Sono molto felice di questo nuovo capitolo della mia vita e spero di non deludere tutti coloro che hanno creduto in me. Ecco quello che abbiamo fatto. E quello che vogliamo fare"

    IMPRUNETA – Nelle scorse settimane, nell’ambito della Festa di San Tobia, patrono della Misericordia di Impruneta, nella Basilica di Santa Maria all’Impruneta è stata ufficializzata la nomina di Paolo Poggini come nuovo Provveditore della Misericordia di Impruneta, avvenuta dieci giorni prima.

    Poggini, conosciuto in tutto il paese per le sue esperienze nella Misericordia, Gruppo Fratres e nella politica locale, ha preso il posto di Simone Dal Pino, che rimarrà il suo vice.

    # Misericordia di Impruneta, cambio guida: Paolo Poggini Provveditore al posto di Simone Dal Pino

    “Sono molto felice di questo nuovo capitolo della mia vita – dice Poggini – e spero di non deludere tutti coloro che hanno creduto in me”.

    “E’ noto che questo sia un periodo difficile per tutti – riprende – e questo vale anche per la Misericordia, impegnata su molti fronti, non solo su quello sanitario ma anche volontariato”.

    “Prima di parlare del futuro – ci spiega – vorrei partire da ciò che è stato fatto in questi mesi difficili dalla Misericordia, in particolare durante la scorsa primavera”.

    “Sono stati garantiti tutti i servizi di assistenza socio-sanitari – ricorda – nel periodo di quarantena sono stati effettuati 242 servizi ordinari e 127 di emergenza sanitaria, di cui 21 ricoveri a pazienti Covid-19″.

    “E’ sempre stato attivo il punto prelievi ematici Synlab – rimarca Poggini – al quale si è aggiunto il servizio di test sierologici e tamponi per l’individuazione del Covid-19″.

    “Oltre a ciò – aggiunge – tutti i servizi volontaristici, come i servizi di spese e farmaci a domicilio, che prosegue tutt’ora. Ad oggi sono 141 le consegne effettuate, 58 le spese in collaborazione con i servizi sociali del Comune”.

    “Mi preme ricordare – tiene a dire – anche l’impegno in piena quarantena fuori dal territorio comunale e regionale di alcuni volontari. Lo scorso aprile, in collaborazione con l’area emergenza nazionale delle misericordie alcuni nostri volontari hanno trasportato in Umbria l’ambulatorio mobile della Confederazione Nazionale a supporto della popolazione”.

    “Tutte queste iniziative – prosegue – saranno solo il punto di partenza del nuovo capitolo che mi vede nuovo Provveditore. Ci tengo a ringraziare di cuore i rioni per il contributo importante e naturalmente tutti i volontari, senza i quali sarebbe stato difficile, per non dire impossibile, garantire tutti i servizi sopra descritti”.

    “Nel futuro prossimo – conclude Poggini – emergenza Covid permettendo, come priorità vi è senza dubbio la realizzazione di un’unità di raccolta del sangue presso gli ambulatori di via della Fonte. E, successivamente, molti altri servizi utili alla popolazione”.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...