mercoledì 12 Agosto 2020
Altre aree

    Piazzola della Firenze-Siena utilizzata come discarica: mobili, un divano, vetrate…

    In direzione Firenze dopo il Cimitero degli Americani: Anas è costantemente costretta a ripulire quello che viene abbandonato a bordo carreggiata

    IMPRUNETA – L’inciviltà di alcune persone è difficile da combattere. In questo caso, approfittando del buio, ignoti hanno utilizzato una piazzola di sosta adibita alle emergenze come se fosse una discarica.

    E’ successo nel fine settimana nella piazzola dell’Autopalio in direzione Firenze, dopo il Cimitero degli Americani: qui sono stati abbandonati vari mobili, un divano e dei grossi vetri.

    Non è la prima volta che succede una cosa del genere: personale Anas nei mesi scorsi aveva provveduto a ripulire tutte queste aree, tagliando l’erba e le piante infestanti e ripristinare la rete dove era stata divelta o tagliata.

    Un grande lavoro con costi per lo smaltimento dei materiali rinvenuti, pneumatici, materassi, batterie, mobili, che necessitano anche un adeguato punto di stoccaggio.

    Tutto questo è durato poco tempo: le aree sono tornate rapidamente ad essere delle discariche.

    Ma c’è anche l’inciviltà di chi lancia in corsa bottiglie di plastica e vetro, materiali che vanno ad accumularsi nei fossetti di scolo delle acque piovane.

    Abbiamo “visitato” la piazzola al km 53 dove sono stati abbandonati i mobili. Oltre a quelli abbiamo visto un ombrellone da giardino, un computer, batterie, sacchi pieni di chissà. E tante, tante bottiglie.

    Nel frattempo Anas ha delimitato il tratto dove sono stati abbandonati i mobili in attesa del recupero, che avrà un costo notevole; soldi che potevano essere impegnati per altri interventi importanti.

    @RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...

    Sostengono Il Gazzettino