spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
martedì 27 Settembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    L’appello del Sant’Antonio dopo le dimissioni di Luca Gasparri e Alessandro Bonini

    IMPRUNETA – "Il rione del Sant’Antonio esprime il più profondo rammarico per le dimissioni dall’Ente Festa dell’Uva di Luca Gasparri (in foto) e Alessandro Bonini".

     

    E' la presa di posizione ufficiale del rione del Sant'Antonio. Che è anche un appello agli altri tre rioni per uno scatto in avanti: come fine ultimo quello di risolvere una situazione che, a partire dalla drammatica domenica 29 settembre, sta scivolando sempre più in basso.

     

    "In un momento come questo – dicono ancora dal rione del Sant'Antonio – dopo le difficoltà e le polemiche dovute all’annullamento dell’ultima edizione della Festa dell’Uva, crediamo che ci sia la necessità che i rioni prendano coscienza e dimostrino di essere un organismo unito sotto un’unica bandiera!".

     

    Poi, l'appello: "Chiediamo a tutti i rioni di mettere da parte i propri colori e di mettersi a disposizione dell’Ente affinché nel più breve tempo possibile possa essere risolta questa difficile situazione. Noi siamo disponibili a metterci subito intorno ad un tavolo per far crescere la nostra festa, consapevoli delle difficoltà sempre maggiori che richiede l’organizzazione".

     

    "L’impegno e lo sforzo che ci metteremo – ricordano – sarà sicuramente ripagato dalla soddisfazione che tutti quanti avremo l’ultima domenica di settembre. Siamo oltretutto fiduciosi che le dimissioni annunciate dal presidente e dal responsabile della sicurezza possano essere ritirate a fronte di una prova di maturità dei rioni e dei rionali. Noi ci siamo!".

    di Matteo Pucci

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...