spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
domenica 29 Gennaio 2023
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    “L’ultimo consiglio comunale? L’ennesima tragedia… in “salsa” Calamandrei”

    Dopo quello di giovedì 29 settmbre, durissimo il CDC: "Ecco il Bignami di questi 3 anni e mezzo tragici"

    IMPRUNETA – Il consiglio comunale di giovedì 29 settembre, fra dimissioni, mancanza di numero legale e altre amenità, ha rinfocolato la mai sopita polemica politica imprunetina.

     

    Prima con la presa di posizione di Francesco Bianchi, M5S, poi con quella di Jonathan Corsani, coordinatore del CDC (Coraggio di Cambiare).

     

    "Ieri – dice con grande durezza – durante il consiglio comunale di Impruneta, si è consumata l'ennesima "tragedia" all'Imprunetina in salsa Calamandrei; alla maggioranza non è bastata la benevolenza di un impavido consigliere di "minoranza" che con la sua permanenza in sala, stava garantendo il numero legale necessario per lo svolgimento della seduta".
     
     
    "Ma, quando meno te lo aspetti – prosegue – e nonostante le "lacrime e sangue" del rimpasto pre-agostano, Caterina Guidi, consigliere di maggioranza si alza prima della votazione della prima delibera all'ordine del giorno del consiglio. Gesto che probabilmente segue al malumore connesso alle dimissioni "lampo" di Milo Messeri, ex capogruppo e che di fatto interrompe il consiglio per sopravvenuta mancanza del numero legale".
     
     
    "Evidentemente anche Simone Bartoli – incalza Corsani – esponente Psi in consiglio comunale, assente, non ha ritenuto indispensabile la propria presenza in un consiglio nato male  per Calamandrei & co".
     
     
    "Per essere brevi e comprensibili – prosegue Corsani – abbiamo approntato un "Bignami" delle vicende macroscopiche succedutesi in questi tre anni e mezzo: il consigliere Marilli si dimette; Magnelli capogruppo si dimette da incarico; Messeri capogruppo si dimette da incarico e da consigliere; rimpasto di giunta; movimento interno al partito (Guidi-Bartoli-Forconi); dipendenti che si lamentano e viene deserto un consiglio chiesto da opposizione per loro; progetto scuola vedi voce utopia su vocabolario; area cani chiesta con due mozioni entrambi a firma di suoi consiglieri; continua richiesta della presenza delle opposizioni per approvazione (ad esempio vicenda campo sportivo e richiesta modifica odg); carica presidente consiglio ricoperta da consigliere non eletto".
     
     
    "Alla luce di tutto ciò e di altro – conclude Cordani – come si deve giudicare questa consiliatura?".

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...