spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
venerdì 9 Dicembre 2022
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Sabato 2 marzo per la prima volta il Premio ospitato dal Teatro Moderno a Tavarnuzze

    Secondo incontro fra giuria dei lettori e autori in concorso per il Premio Letterario Chianti: dopo il primo appuntamento andato in scena al Teatro Niccolini di San Casciano (nella foto), per la prima volta, sabato 2 marzo alle 17, sarà il il Teatro Moderno di via Gramsci a Tavarnuzze a ospitare uno degli incontri. 

     

    Qui infatti Giorgio Fontana, autore di “Per legge superiore” , edito da Sellerio, e fra i cinque finalisti del Premio, presenterà il proprio libro  alla giuria dei lettori. La storia di Fontana è ambientata a Milano. Protagonisti una magistrato alla conclusione della sua carriera e una giovane giornalista, libraia per necessità.

     

    “Fontana – commenta l’assessore alle politiche della formazione Francesca Buccioni – riesce a farti entrare in una città diversa. E’ la Milano del libro, ma potrebbero essere anche altri paesi e cittadine. Spetta ai lettori completare qualcosa che lo scrittore sembra aver lasciato in bianco volutamente".

     

    "Quest’anno – conclude l'assessore – sono doppiamente soddisfatta della data in programma sia perché per la prima volta la data del premio Letterario Chianti di Impruneta viene ospitata nel Teatro Moderno di Tavarnuzze, offrendo l'occasione per lavorare insieme come amministrazione e circoli del territorio, sia per avere un giovane scrittore, classe 1981, quasi un mio coetaneo, come scrittore finalista”.
     

    di Redazione

    © RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...







    I Cammini dell'Acqua