spot_img
spot_img
spot_img
spot_img
mercoledì 22 Maggio 2024
spot_img
spot_img
Altre aree
    spot_img

    Premio Letterario Chianti: Roberta Lepri incontra i lettori sabato 13 aprile a Impruneta

    Alle 17 presso il Cinema Teatro Buondelmonti con il suo libro "Dna Chef" (Voland Editore)

    IMPRUNETA – Sabato 13 aprile alle ore 17,, presso il Cinema Teatro Buondelmonti di Impruneta, Roberta Lepri presenterà il suo romanzo “Dna Chef”, edito da Voland, incontrando giurati e lettori nel secondo appuntamento della 36esima edizione del Premio Letterario Chianti.

    Trama

    Guido Nocentini sa di essere destinato a diventare un grande chef: il nonno Giovanni, cuoco fiorentino confinato alle Tremiti durante il fascismo, è ancora ricordato dagli isolani per un piatto eccezionale, le tagliatelle al sugo di ricci, una delizia che anche il nipote propone in un rinomato ristorante londinese.

    Coincidenza o dna? Per eseguire le ultime volontà del padre e trovare conferma ad alcune intuizioni, Guido torna a San Domino, mentre il primo lockdown sta per abbattersi sull’isola.

    Ad attenderlo ci sarà un passato sorprendente, di cui è parte anche Vittorio, scomparso in modo tragico il giorno delle nozze dei nonni.”

    Roberta Lepri, nata a Città di Castello nel 1965, è cresciuta in Maremma.

    Vincitrice di alcuni premi letterari – tra cui Moak, Teramo e Cimitile – ha pubblicato: “Sulla terra, a caso” (2003), “L’ordine inverso di Ilaria” (2005), “L’amore riflesso” (2006), “La ballata della Mama Nera” (2010), “Il volto oscuro della perfezione” (2011), “Io ero l’Africa” (2013), “Ci scusiamo per il disagio” (2017), “Facciamo tardi” (2018), “Le lacrime di Hitler” (2019).

    ©RIPRODUZIONE RISERVATA

    Sostieni il Gazzettino del Chianti

    Il Gazzettino del Chianti e delle Colline Fiorentine è un giornale libero, indipendente, che da sempre ha puntato sul forte legame con i lettori e il territorio. Un giornale fruibile gratuitamente, ogni giorno. Ma fare libera informazione ha un costo, difficilmente sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità, che in questi anni ha comunque garantito (grazie a un incessante lavoro quotidiano) la gratuità del giornale.

    Adesso pensiamo che possiamo fare un altro passo, assieme: se apprezzate Il Gazzettino del Chianti, se volete dare un contributo a mantenerne e accentuarne l’indipendenza, potete farlo qui. Ognuno di noi, e di voi, può fare la differenza. Perché pensiamo che Il Gazzettino del Chianti sia un piccolo-grande patrimonio di tutti.

    Leggi anche...